Avviso

Alighiero Boetti

VOL. III tomo II
collana: Electa arte
editore: Electa
data pubblicazione: 2022
pagine: 680
prezzo: € 280,00
ISBN: 9788892822115
a cura di: Mark Godfrey
traduzione di:
argomento:
formato: rilegato in cofanetto
per l'acquisto scegli tra:
   
ACQUISTA

VOL. III tomo I
collana: Electa arte
editore: Electa
data pubblicazione: 2015
pagine: 215
prezzo: € 140,00
ISBN: 9788891801302
a cura di: Jean-Christophe Ammann
traduzione di:
argomento:
formato: rilegato in cofanetto
per l'acquisto scegli tra:
   
ACQUISTA

Voll. I e II non disponibili
 

Alighiero Boetti

Catalogo generale


 

VOLUME III tomo II

Con il secondo volume del terzo tomo prosegue il lavoro di archiviazione e lettura scientifica dell’opera di Alighiero Boetti, avviata nel 2009 sotto la direzione di Anna Marie Sauzeau e Jean-Christophe Ammann.
La direzione scientifica della seconda parte del terzo tomo è affidata a Mark Godfrey, curatore della Tate Modern di Londra e autore di una monografia sull’artista nonché curatore dell’importante mostra internazionale Game Plan. Il lavoro intrapreso da Godfrey prosegue lungo la linea metodologica avviata dai suoi predecessori, seppur con alcune innovazioni legate a nuove interpretazioni dell’opera. L’ordinamento del volume, essenzialmente cronologico, dal 1980 al 1987, è articolato in dieci macro-capitoli nei quali trova collocazione un’ampia gamma di lavori che si caratterizzano per una dimensione quasi privata e che sono spesso su carta. Una grande quantità di fogli, di dimensioni e iconografie eterogenee raccontano un decennio cruciale per l’artista, caratterizzato da mutamenti lavorativi e personali, i quali confluiscono in una nuova vitalità creativa, come dimostrano i cicli La Natura è una faccenda ottusa, Le Calligrafie, Le Copertine, Le Clessidre cerniera e viceversa. Oltre alle opere su carta, sono presenti anche piccoli ricami, e i Remake Arte Povera.


VOLUME III tomo I

Una nuova tappa del catalogo ragionato dell'opera di Alighiero Boetti, uno degli artisti più influenti del XX secolo. Il volume tratta gli anni dal 1980 al 1987.

Negli anni ’80 si intensifica la produzione dei lavori su carta, in cui Boetti crea un microcosmo di immagini e iscrizioni. Molte di queste carte sono una sorta di diario sul quale l’artista appunta date, pensieri, riflessioni. Le frasi sono sempre scritte con la mano sinistra in quanto per l’artista “scrivere con la sinistra è disegnare”. Spesso le carte presentano riferimenti a immagini di opere precedenti, con collage di elementi fotografici o serigrafici. L’iconografia autoreferenziale di “Due mani e una matita” ritorna come base serigrafica in diverse opere, tra cui quelle della serie “Tra sé e sé”. In “Afghanistan” l’artista pone al centro della composizione “tra sé e sé” una forma in inchiostro nero contenente le sagome dello stato dell’Afghanistan. Questo è un omaggio che Boetti fa a questo paese, che aveva eletto a suo paese adottivo e nel quale aveva soggiornato a più riprese a partire dal 1971, e che in seguito all’occupazione da parte delle armate sovietiche nel 1980 non avrebbe più potuto visitare.
Costantemente prosegue il lavoro di aggiornamento delle bandiere delle mappe conseguentemente
ai cambiamenti della situazione geo-politica. Come a contrastare questo sentimento di tristezza, Boetti dà vita ad un nuovo ciclo di opere coloratissime, “La natura, una faccenda ottusa”. Sono tecniche miste in cui è spesso predominante l’uso del collage di piccole carte veline dipinte e ritagliate con la forma di animali: rane, tartarughe, scimmie, felini, pesci. Nella seconda metà degli anni ’80 ha un forte impulso il lavoro dedicato agli arazzi di piccola e grande dimensione.

 

Alighiero Boetti (Torino, 1940 – Roma, 1994) è stato uno dei maggiori protagonisti dell’arte italiana del secondo dopoguerra. Si avvicina all’arte da autodidatta, coltivando numerosi interessi a cui si dedicherà nel corso della vita: dalla musica alla matematica, dalla filosofia all’esoterismo. Germano Celant lo include nella prima mostra del movimento Arte Povera presso La Bertesca di Genova nel settembre del 1967. Nei primi anni realizza sculture povere con materiali industriali, come eternit, ferro, legno e vernici a smalto. Nel 1971 compie un viaggio in Afghanistan e dà inizio al celebre progetto delle Mappe, una serie di arazzi che rappresentano il planisfero politico e che documentano, nel corso degli anni, gli spostamenti dei confini nazionali. Intessute per lui da un gruppo di donne afghane, le mappe sono per Boetti anche un motivo di riflessione sulla delega del lavoro manuale da parte dell’artista. Nel 1972 la sua arte subisce una svolta concettuale: l’artista comincia a firmarsi “Alighiero e Boetti”. Quella “e” tra il nome e il cognome diventa manifesto dello scambio dialettico tra le due metà di se stesso: l’uomo e l’artista. Boetti è affascinato dai sistemi concettuali utilizzati dall’umanità per organizzare le proprie conoscenze e quantificare fenomeni non quantificabili. Molti dei suoi lavori, realizzati con i media più diversi (penna su carta intelata, cartoline, francobolli, tessuti), seguono precise “regole del gioco” e assumono spesso la forma di estenuanti esercizi di ripetizione di figure o simboli, basati su ritmi musicali o matematici. Incluso nella mostra capitale di Harald Szeemann When attitudes become form (1969), è stato sei volte presente alla Biennale di Venezia, con sala personale premiata nell’edizione del 1990 e un omaggio postumo nel 2001.


 

Condividi questo articolo su...

   recensioni 

 Pietro Minto

La seconda prova

recensione di Vincenzo Latronico su La Stampa. (leggi)

 

Roberto Esposito
I volti dell'avversario

recensione di Giuseppe Cantanaro su Avvenire. (leggi)

 

Maria Grazia Calandrone

Magnifico e tremendo stava l’amore

 

intervista di Gaia Manzini su L'Espresso. (leggi)

 

Carlotta Vagnoli
Animali notturni

recensione di Jessica Chia su La Lettura - Corriere della Sera. (leggi)

 

   recensioni 

 Francesco Piccolo
Scrivere è un tic

recensione di Nicola H. Cosentino su Corriere della Sera. (leggi)

 

Rose Tremain

Lily

recensione di Paolo Bertinetti su tuttolibri - La Stampa. (leggi)


 Audur Ava Olafsdottir

Eden

recensione di Marta Morazzoni su Domenica - Il Sole 24 Ore. (leggi)

 

 

Premi 2024 

 



al Punto Einaudi Bologna puoi utilizzare

Carta del Docente

Bonus Cultura 18app

Carta del Docente

Bonus cultura-18app