Avviso

Duchamp re-made in Italy

collana:Electa arte 
editore: Electa
data pubblicazione: 2013
pagine: 301
prezzo: € 35,00
ISBN: 9788837097883
a cura di:
argomento: arte. Catalogo mostra: Roma, 5 ottobre 2013-12 gennaio 2014
formato: brossura con alette
per l'acquisto scegli tra:
ACQUISTA
 

Duchamp re-made in Italy

 


Nell'anno in cui si celebra il centenario del primo ready-made (Ruota di bicicletta, 1913) creato da Marcel Duchamp, la Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma propone una mostra che verte sull'itinerario delle opere storiche di Duchamp, facenti parte del lascito di Arturo Schwarz. Un'occasione per raccontare la storia del passaggio espositivo dell'artista in Italia nel 1964 e 1965, e delle conseguenze che questo ha comportato sul lavoro di alcuni artisti italiani che entrarono in contatto diretto con lui. Il percorso si focalizza quindi su due importanti appuntamenti di quegli anni: la mostra a Milano presso la Galleria Schwarz, dal 5 giugno al 30 settembre del 1964, e l'esposizione realizzata a Roma presso lo spazio Gavina di via Condotti, nel giugno 1965. L'alchimia del ready-made (trasformare le cose lasciandole uguali, per poi definirle in maniera diversa) è un processo affascinante nel percorso di Marcel Duchamp. Le icone di questo percorso, gli emblemi di questa iconografia possiamo ritrovarli nell'immaginario collettivo della sua produzione seriale: Bottle Dryer (Bottlerack); Fresh Widow; Why Not Sneeze Rose Sélavy; Fountain; Traveler's Folding Item; In Advance of the Broken Arm; Piston de courant d'air; Roue de bicyclette, ecc. Questi celebri ready-made sono il frutto di un assoluto rigore dell'immaginazione, ed è proprio questo rigore che governa il processo di trasformazione dell'oggetto banale quotidiano in opera d'arte.

Condividi questo articolo su...

al Punto Einaudi Bologna puoi utilizzare

Carta del Docente

Bonus Cultura 18app

Carta del Docente

Bonus cultura-18app


   recensioni 

 Pietro Minto

La seconda prova

recensione di Vincenzo Latronico su La Stampa. (leggi)

 

Roberto Esposito
I volti dell'avversario

recensione di Giuseppe Cantanaro su Avvenire. (leggi)

 

Maria Grazia Calandrone

Magnifico e tremendo stava l’amore

 

intervista di Gaia Manzini su L'Espresso. (leggi)

 

Carlotta Vagnoli
Animali notturni

recensione di Jessica Chia su La Lettura - Corriere della Sera. (leggi)

 

 

Premi 2024 

 



   recensioni 

 Francesco Piccolo
Scrivere è un tic

recensione di Nicola H. Cosentino su Corriere della Sera. (leggi)

 

Rose Tremain

Lily

recensione di Paolo Bertinetti su tuttolibri - La Stampa. (leggi)


 Audur Ava Olafsdottir

Eden

recensione di Marta Morazzoni su Domenica - Il Sole 24 Ore. (leggi)