Avviso

Erwitt, Scatti personali

collana: Electa fotografia 
editore: Electa
data pubblicazione: 2015
pagine: 256
prezzo: € 49,90
ISBN: 978889180280
a cura di:
traduzione di: 
argomento: fotografia illustrazioni 275 b/n
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
ACQUISTA
 

Elliott Erwitt

Scatti personali


Il mondo delle fotografie di Elliott Erwitt non è mai semplice: un mondo dove è possibile cogliere allo stesso tempo l' elemento umoristico e l'impercettibile accenno tragico di ogni situazione. Le sue "istantanee" di  personaggi celebri scoprono le emozioni umane fonfamentali. Erwitt sembra riuscire soprattutto a  catturare le ironie più toccanti della vita con la sua tecnica apparentemente poco impegntiva: un talento, il suo, che gli ha procurto il rispetto degli altri fofografi , dei critici e la devozione dei suoi ammiratori.

Caratterialmente autoironico,Erwitt è convinto che il vero giudice del significato di una foto sia lo spettatore. Nella sua filosofia le foto "accadono", ma solo se si ha la capacità di vedere. Proprio in questo consiste l' essenza dei suoi scatti personali, nel vedere ciò che solo pochi altri vedono e nel coglierlo per tutti noi. I suoi reportage , le sue immagini personali, i suoi lavori pubblicitari sono apparsi in innumerevoli riviste, giornanali e pubblicazioni in tutto il mondo per oltre trent'anni.

 

Condividi questo articolo su...

Nobel per la medicina 2022



Premio Strega 2022

 Mario Desiati, Spatriati


Premio Strega giovani


Premio Campiello opera prima

Francesca Valente, Altro nulla da segnalare


al Punto Einaudi Bologna puoi utilizzare

Carta del Docente

Bonus Cultura 18app

Carta del Docente

Bonus cultura-18app


 

     recensioni 

Russell Banks, I tradimenti

 recensione di Marco Rossari su tuttolibri - La Stampa. (leggi)

 

James Poskett, Orizzonti

recensione di Andrea Capocci su il manifesto. (leggi)

 

James Ellroy

 
intervista di Giancarlo De Cataldo su Robinson - la Repubblica. (leggi)

 

Maurizio Bettini

Roma, città della parola

 

recensione di Eva Cantarella su Corriere della Sera. (leggi)