Avviso

Scarpa, Gipsoteca canoviana Possagno

collana:Electa architettura
editore: Electa
data pubblicazione: 17/01/2017
pagine: 144
prezzo: € 42,00
ISBN: 978889181070
a cura di: Gianluca Frediani
traduzione di: 
argomento: architettura
formato: cartonato con sovracoperta
per l'acquisto scegli tra:
ACQUISTA
 

Carlo Scarpa

Gipsoteca canoviana Possagno


Se quanto realizzò nelle Gallerie prova l'intimo sentimento di appartenenza che Scarpa avvertiva con la grande tradizione pittorica veneziana, la Gipsoteca di Possagno è un omaggio a Canova, le cui opere illuminavano gli spazi dell'Accademia da lui frequentata, come questo libro conferma.

Nel 1926 Carlo Scarpa concluse i suoi studi all'Accademia di Belle Arti di Venezia, dove da due anni era stato avviato il primo biennio della Scuola Superiore di Architettura. Naturalmente il nome di Scarpa non era compreso tra quello dei primi sette architetti che nel 1928, una volta terminati gli studi, sostennero l'esame di Stato per ottenere l'abilitazione alla professione. Per questa ragione, una trentina d'anni dopo, nel 1957, mentre la Gipsoteca canoviana di Possagno veniva completata, Scarpa fu accusato davanti al Tribunale di esercitare abusivamente la professione di architetto. Se la sua carriera scolastica è stata all'origine della pagina più triste della sua carriera, gli anni trascorsi all'Accademia, però, hanno lasciato un'eco costante nella sua opera, percepibile, in particolare, nel lavoro da lui svolto dal 1940 per la sistemazione delle Gallerie dell'Accademia a Venezia e nella Gipsoteca di Possagno

Condividi questo articolo su...

al Punto Einaudi Bologna puoi utilizzare

Carta del Docente

Bonus Cultura 18app

Carta del Docente

Bonus cultura-18app


 

     recensioni     

Antony Gormley

Martin Gayford

Plasmare il mondo

intervista di Vincenzo Trione su la Lettura - Corriere della Sera. (leggi)

 

Jonathan Franzen

Crossroads

 

recensione di Giuseppe Culicchia su tuttolibri - La Stampa. (leggi)

recensione di Francesco Musolino su Il Messaggero. (leggi)


Marcello Fois

L’invenzione degli italiani

recensione di Gabriele Pedullà su Domenica - Il Sole 24 Ore. (leggi)

 

Michele Mari

Le maestose rovine di Sferopoli

 

recensione di Daniele Abbiati su il Giornale. (leggi)

  

Viola Ardone, Oliva Denaro

 

 

recensione di Concita De Gregorio su la Repubblica. (leggi)


AbyWarburg

Fra antropolgia e storia dell’arte

 

recensione di Maurizio Ghelardi su Domenica - il Sole 24 Ore. (leggi)