a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


Fondare le biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.

Marguerite Yourcenar

Avviso

Bettini, Il dio elegante


collana: Piccola Biblioteca Einaudi Ns 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2015
pagine: 240
prezzo: € 24,00
ISBN: 9788806220211
a cura di:
traduzione di:
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 


 

Maurizio Bettini

Il dio elegante


Chi è il dio Vertumno? Semplicemente il mutare, l'incontenibile impulso delle cose a divenire altro da quel che erano. Nella sua giurisdizione, infatti, ricadono il cambiamento delle stagioni e la maturazione dei frutti, la pratica dell'innesto (vera e propria «trasformazione» di una specie vegetale in un'altra) e quella dello «scambiare» merci, il mutamento degli eventi e l'atto del cambiare idea. Soprattutto, però, Vertumno si distingue per una sua ineguagliabile virtú: la metamorfosi. Il dio può infatti assumere ogni e qualsiasi identità sociale, bella fanciulla o cittadino togato, soldato o mietitore, pescatore o acrobata, e lo fa salvaguardando sempre una qualità che di necessità vien meno a trasformisti e incostanti: l'eleganza. Esplorare le province in cui si esercitano i poteri di Vertumno - una cui statua «metamorfica» si ergeva a Roma nel Vicus Tuscus fino dalla piú remota antichità - offre a Maurizio Bettini l'opportunità di affrontare insieme alcuni temi cruciali nella definizione della divinità, non solo antica: prima di tutto la sua natura non personale, tanto che il suo nome può essere sia singolare che plurale, sia maschile che femminile; il carattere plurimo e distribuito della sua «identità», simile a una figura frattale, in cui la forma dei dettagli si riflette in quella dell'insieme; infine la natura e lo statuto delle immagini che la raffigurano.

Indice
Introduzione. I. Autobiografia di Vertumno. II. L'identità distribuita degli antichi dèi. III. Vertumno: origine, cittadinanza, nazionalità. IV. Il dio del «Vertere ». V. Il dio della metamorfosi perpetua. VI. Il signore dell'incostanza. VII. Gli dèi plurali. VIII. Altre mutazioni di Vertumno. IX. Metamorfosi di un'immagine. X. Le mani dell'artista e le sventure di Mamurio. XI. La «vera storia» del «signum Vertumni». XII. Una statua poetica. XIII. Il dio elegante. - Appendici. Bibliografia. Indice dei nomi.

 

Maurizio Bettini (1947), saggista e scrittore, insegna Filologia classica all'Università di Siena. Tra i suoi libri: Il ritratto dell'amante (1992; 2008); Nascere. Storie di donne, donnole, madri ed eroi (1998), Le orecchie di Hermés (2000), Voci. Antropologia sonora del mondo antico (2008); Affari di Famiglia. La parentela nella cultura e nella letteratura antica (2009), Contro le radici (2011) e Vertere. Un'antropologia della traduzione nella cultura antica (2012). Nella collana «Mythologica», che dirige presso Einaudi, ha pubblicato: Il mito di Elena (con C. Brillante, 2002), Il mito di Narciso (con E. Pellizer, 2003), Il mito di Edipo (con G. Guidorizzi, 2004), Il mito delle Sirene (con L. Spina, 2007), Il mito di Circe (con C. Franco, 2010); Il mito di Enea (con M. Lentano, 2013). Collabora con la pagina culturale de «la Repubblica».

 

Recensioni

recensione di Alessandro Giuli su Il foglio. (leggi)

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...