Avviso

Bettini - Romani, Il mito di Arianna

collana:  i Saggi
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2015
pagine: XII - 284
prezzo: € 30,00
ISBN: 9788806209995
a cura di: 
traduzione di:
argomento:
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
  


 

Maurizio Bettini

Silvia Romani

Il mito di Arianna

Immagini e racconti dalla Grecia a oggi


«E per la prima volta, la ragazza che non conosceva l'oblio dimenticò tutto. Il padre dal cuore nero come la notte, la madre svergognata, lo sguardo straniero di quel giovane che le aveva donato la corona lucente, la punta che a volte la mordeva sotto la veste e la spingeva via dal filatoio. Si accorse solo di avere ancora in mano il fuso pieno di filo, e con un gesto veloce lo nascose sotto la tunica di Teseo».

«Mythologica esplora le innumerevoli metamorfosi a cui i miti classici, dall'Antichità fino ai giorni nostri, sono andati soggetti fra racconto, immagini e interpretazione. Il mito infatti non è mai esaurito - c'è sempre un'altra versione da leggere, il mito non è mai concluso - c'è sempre un'altra versione da scrivere».

Il mito di Arianna è cosí celebre da esserci quasi familiare. La sua silhouette attraversa le rovine di gigantismi mitologici: figure che hanno colonizzato in modo ipertrofico l'immaginario della cultura occidentale; lei minuta fra le statue ciclopiche del padre Minosse, del fratello Minotauro e della prigione, il labirinto, in cui era rinchiuso. Tuttavia, se anche si muove leggera nel cono di luce di questo mondo famoso, Arianna è intessuta nell'ombra e quando si afferra la sua veste è pronta a sfuggire, negandosi all'interpretazione. È stata, nella sua madrepatria, una dea del labirinto e ha visto i coetanei muoversi in cerchio, seguendo una misteriosa coreografia inventata da Dedalo. Ha amato follemente Teseo, senza esserne in verità mai ricambiata. Ha scelto di tradire la famiglia, di lasciare dietro di sé la patria, per salire su una nave ateniese sperando di diventare, un giorno, regina di Atene. Si è spenta, invece, sulla riva del mare di Nasso, dopo l'abbandono. È morta di parto a Cipro. Si è mutata in statua sulla piana di Argo, per aver incrociato lo sguardo pietrificante della gorgone Medusa. Il dio Dioniso l'ha scelta, infine, come compagna e le ha regalato una nuova vita fra le stelle. Molti destini diversi, a volte persino dissonanti fra loro, per un personaggio fra i piú noti della mitologia antica. Questo libro vuole restituire al lettore tutte le anime di Arianna e infonderle un po' di nuova vita, sciogliendo i nodi del gomitolo di filo che Teseo si è portato al centro del labirinto.

 

Maurizio Bettini (1947), saggista e scrittore, insegna Filologia classica all'Università di Siena. Tra i suoi libri: Il ritratto dell'amante (1992; 2008); Nascere. Storie di donne, donnole, madri ed eroi (1998), Le orecchie di Hermés (2000), Voci. Antropologia sonora del mondo antico (2008); Affari di Famiglia. La parentela nella cultura e nella letteratura antica (2009), Contro le radici (2011) e Vertere. Un'antropologia della traduzione nella cultura antica (2012). Nella collana «Mythologica», che dirige presso Einaudi, ha pubblicato: Il mito di Elena (con C. Brillante, 2002), Il mito di Narciso (con E. Pellizer, 2003), Il mito di Edipo (con G. Guidorizzi, 2004), Il mito delle Sirene (con L. Spina, 2007), Il mito di Circe (con C. Franco, 2010); Il mito di Enea (con M. Lentano, 2013). Collabora con la pagina culturale de «la Repubblica».

Silvia Romani è ricercatrice all'Università di Torino dove insegna Mitologia classica. Si occupa di poesia arcaica, di teatro classico, in particolare di Aristofane, e di antropologia del mondo antico. Ha tradotto le Opere e giorni di Esiodo e Lo scudo di Eracle (Mondadori, 1997). Ha lavorato sulla concezione della nascita nell'Antichità, tema a cui ha dedicato una monografia (Nascite speciali. Usi e abusi del modello biologico del parto e della gravidanza nel mondo antico, Edizioni dell'Orso, 2004); ha scritto molti articoli e contributi su aspetti diversi del rito e del mito classico. Con Maurizio Bettini ha pubblicato, per Einaudi, Il mito di Arianna (2015). De Agostini ha pubblicato i suoi libri per ragazzi (Iliade, 1997; Odissea, 1997; Miti greci, 1998).

Recensioni

recensione di Guido Caserza sul Mattino. (leggi)

recensione di Nadia Fusini su Repubblica. (leggi)

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...