Fondare le biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.

Marguerite Yourcenar

Avviso

Berlinguer, La passione non è finita


collana: Super ET 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2015
pagine: 216
prezzo: € 12,00
ISBN: 978880622687
a cura di: Miguel Gotor
traduzione di: 
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
      
 

Enrico Berlinguer

La  passione non è finita

Scritti, discorsi, interviste (1973-1983)

 

Le parole e gli ideali di uno dei politici italiani piú amati del Novecento.

«Quando si chiedono sacrifici alla gente che lavora ci vuole un grande consenso, una grande credibilità politica e la capacità di colpire esosi e intollerabili privilegi».
Enrico Berlinguer, La passione non è finita


«Lavorate tutti, casa per casa, azienda per azienda, strada per strada, dialogando con i cittadini, con la fiducia per le battaglie che abbiamo fatto, per le proposte che presentiamo, per quello che siamo stati insieme...» Sono queste le parole con cui Enrico Berlinguer conclude, malgrado le pessime condizioni di salute, il comizio del 7 giugno 1984 a Padova. È il suo ultimo appassionato discorso: un messaggio di speranza e di incoraggiamento con cui si consegna alla storia del nostro paese.
La passione non è finita raccoglie una scelta dei suoi scritti, delle sue interviste, dei suoi discorsi piú significativi: dall'invito a un'austerità che crei giustizia sociale, efficienza, sviluppo, alla proposta di «compromesso storico» tra la Dc e il Pci, alla denuncia della «questione morale», alle riflessioni sul rinnovamento della politica e sui grandi temi globali della pace, della cooperazione e dell'ambiente. In tutti gli interventi emerge un uomo dalla inesauribile passione per il suo lavoro, apprezzato per le qualità umane e politiche, ma anche per il proprio rigore intellettuale e morale.

«L'austerità ... può essere adoperata come strumento di depressione economica, di repressione politica, di perpetuazione delle ingiustizie sociali, oppure come occasione per uno sviluppo economico e sociale nuovo, per un rigoroso risanamento dello Stato, per una profonda trasformazione dell'assetto della società, per la difesa ed espansione della democrazia: in una parola, come mezzo di giustizia e di liberazione dell'uomo e di tutte le sue energie oggi mortificate, disperse, sprecate».

«I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela: scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società, della gente, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile, zero. Gestiscono interessi, i piú disparati, i piú contraddittori, talvolta anche loschi, comunque senza alcun rapporto con le esigenze e i bisogni umani emergenti».

 

Enrico Berlinguer nasce a Sassari il 25 maggio 1922, primogenito di Mario, avvocato e nel dopoguerra parlamentare socialista, e Mariuccia Loriga. Nel 1940 si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Sassari. Nel 1945, dopo la Liberazione, è a Milano come responsabile della Commissione giovanile centrale del Pci. Nel 1957 sposa Letizia Laurenti da cui avrà quattro figli. Dopo avere percorso le principali tappe all'interno del Partito comunista, nel 1969 viene eletto vicesegretario e nel 1972 succede a Luigi Longo nella carica di segretario. Nel 1973 avvia un nuovo corso nella politica del suo partito con la formula del «compromesso storico». È stato il primo a sollevare la cosiddetta «questione morale» puntando il dito contro gli abusi della classe politica. Il 7 giugno 1984, durante un comizio a Padova, viene colpito da ictus. Morirà pochi giorni dopo, l'11 giugno.

Recensioni

«Berlinguer, il vizio di sbattere contro la realtà» - di Mattia Feltri. La Stampa ttl 08/04/2013


dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...