…i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità permanente.

Francesco Petrarca

Avviso

Articoli

Verdi, Lettere

collana:  i Millenni
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2012
pagine: XXXVIII-1170
prezzo: € 90,00
ISBN: 9788806213534
a cura di: Eduardo Rescigno
presentazione di: Giovanni Previtali
traduzione di:
argomento: classici
illustrazioni di: Giuliano Della Casa - 16 tavole a colori fuori testo
formato:  rilegato in cofanetto
per l'acquisto scegli tra:
      
ACQUISTA

 

Giuseppe Verdi

Lettere

 

«Prima d'andar avanti ti prego di aggiustarmi questi due pezzi e fà in modo che io non abbia da credere questo lavoro buttato là tanto per finirlo come mi pare di vedere finora - Dell'ultima aria ti rimando le cancellature dei versi che vanno piú concisi e piú belli... Del pezzo che hai mandato prima bisognerebbe che cancellassi quasi tutto sicché pensa tu ad accomodare e finire questi pezzi prima d'andare avanti onde io possa cominciare a scrivere... STILE CONCISO!... POCHE PAROLE...hai capito?...»  Giuseppe Verdi, Lettere

«Fà che vi sia il programma della nostra opera bene disteso. Guarda che non abbia da bestemiare perché divento col crescer degli anni sempre piú furente. Una volta o l'altra già t'ammazzo.»

Giuseppe Verdi a Francesco Maria Piave
(Milano, 9 marzo 1845)

Ci sono personaggi che diventano icona di una nazione, di un periodo storico, delle trasformazioni sociali di un'epoca. Verdi è stato senz'altro uno di questi. Ripercorrerne la vita attraverso le lettere significa ovviamente incrociare la storia della musica e del teatro, che Verdi ha contribuito a cambiare in modo radicale. Ma significa, piú in generale, osservare in maniera concentrata e al piú alto livello simbolico l'Italia risorgimentale e protounitaria da tanti punti di vista: quello politico, quello economico-sociale (la carriera di Verdi come nascita anche nel nostro paese di un'imprenditoria moderna), quello linguistico. Da queste lettere, scelte con cura tra varie migliaia e ripubblicate con attenzione filologica da Eduardo Rescigno (conservando gli usi e gli errori ortografici di Verdi), ogni lettore potrà trovare il suo percorso preferito: dal rapporto con i librettisti a quello con gli impresari e con l'editore Ricordi; dalla genesi delle opere alle battaglie contro la censura; dalla vita privata del maestro, con i suoi oculati investimenti, alla partecipazione o alla distanza dalla politica. Sicuramente dalle lettere emerge appieno anche il carattere dell'uomo, la sua determinazione, le sue ire, l'ambizione e la coscienza del proprio valore, la sua non frequente disposizione al sorriso che però, quando in vena, si rovescia nella capacità di scrivere lettere spiritosissime, ironiche e talvolta perfino autoironiche. Rescigno ha costruito una serie di apparati per permettere il maggior agio possibile nella scorribanda all'interno del volume: «cappelli» biografici all'inizio di ogni sezione cronologica, note a piè di pagina, un dizionarietto dei personaggi principali che vengono nominati nelle lettere, la trama sintetica di tutte le opere verdiane. Il volume può essere cosí un materiale di studio in vari campi, una lettura piacevole, una fonte inesauribile di curiosità. Verdi è sicuramente una delle caselle chiave dell'albero genealogico degli italiani. Guardarlo da vicino, come solo si può fare attraverso la corrispondenza, è capire che cosa siamo stati, cosa siamo, e che cosa non siamo piú.

 

Eduardo Rescigno è nato a Milano nel 1931. Vive a Monza. Musicologo, ha insegnato nei conservatori di Parma e Como. Ha curato edizioni critiche di molti libretti d'opera per le edizioni Ricordi. Tra i suoi libri, il Dizionario verdiano, il Dizionario rossiniano (entrambi Bur), Una voce poco fa: 550 frasi celebri del melodramma italiano (Hoepli). Ha curato, per Einaudi, le Lettere di Giuseppe Verdi (Millenni, 2012).

 

recensioni  

«Leggete le lettere di Giuseppe Verdi se cercate sorprese» - di Loranzo Arruga, Panorama 14/04/13

«Autoritratto di Verdi genio coi piedi per terra» - di Sergio Romano, Corriere della Sera 06/01/2013

Condividi questo articolo su...