Fondare le biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.

Marguerite Yourcenar

Avviso

Articoli

Garelli, Sogni di spiriti immondi


collana: Piccola Biblioteca Einaudi Ns
editore: Einaudi
data pubblicazione: 02/11/2021
pagine: XXVI - 446
prezzo: € 27,00
ISBN: 9788806244569
a cura di:
traduzione di:
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  
ACQUISTA

 

 

Gianluca Garelli

Sogni di spiriti immondi

Storia e critica della ragione onirica


Quale tipo di rapporto tiene insieme la ragione e il sogno? E quali significati nelle diverse epoche la filosofia ha attribuito ai sogni e al fatto di sognare?

Che mai accadrebbe se – grazie agli strumenti della fantasia e alle illusioni della parola – portassimo alle estreme conseguenze l’ipotesi del ribaltamento fra la veglia e il sogno, per affermare che la vita non può distinguersi da un’esperienza onirica, e che anzi, forse, è tale per davvero? L’apparente coerenza delle nostre esperienze e il mondo in cui ci muoviamo perderebbero improvvisamente consistenza: ed ecco che vorremmo almeno scoprire se il dramma della nostra vita abbia un regista, e quale sia effettivamente il palcoscenico su cui recitiamo la nostra parte. – Una simile fiction è notoriamente assai piú antica di Matrix. Nei discorsi di filosofi, scienziati e letterati dell’età moderna il sogno si delinea appunto come un artificio: un esperimento immaginato dalla ragione nell’intento di prendere le misure all’altro da sé e di consolidare l’autonomia del proprio giudizio. Questo grandioso tentativo di immunizzazione scettica del pensiero assume le forme piú diverse, e appare quantomai efficace se a dettarlo è l’istanza di autonomia dall’autorità. Le sue conseguenze a lungo termine sono tuttavia assai ambigue, come suggerisce il titolo del celebre capriccio di Goya: El sueño de la razón produce monstruos. Ecco perché uno sguardo disincantato sulla vicenda della «ragione onirica» dei moderni può gettare qualche luce su un presente in cui appare sempre piú incerto il confine tra reale e virtuale.

Indice 
Sommario: Prologo. Epimenide, tra Creta e Berlino. - Introduzione. Penso dunque sogno. - I. Dall'onirocritica alla critica della ragione onirica. - Primo intermezzo: Innamorate, donne angeliche, mogli pragmatiche. - II. Un mondo incerto. - III. I sogni di Monsieur Descartes. - Secondo intermezzo: Il sogno e le storie della follia. Una disputa. - IV. La derealizzazione. - V. Reality shows. - VI. Songes et Lumières. - Terzo intermezzo: Rêver à la Suisse. L'origine della nostalgia. - VII. Metafisica e Schwärmerei. - VIII. Il sogno di una cosa in sé. - Quarto intermezzo: Dormitat ratio. Un capriccio di Goya. - IX. La notte del mondo. - Riferimenti bibliografici. - Indice dei nomi.

 

Gianluca Garelli è ordinario di Storia della filosofia presso l'Università di Firenze. Per Einaudi ha pubblicato La questione della bellezza (2016) e Sogni di spiriti immondi (2021), e ha curato scritti di Péter Szondi, un'edizione dellaFenomenologia dello spirito di Hegel (2008), una traduzione dell'Antropologia di Kant (2010), nonché l'edizione italiana della Nuova storia della filosofia occidentale di Anthony Kenny (2012-13, 4 voll.).

 


Recensioni

dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...