…i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità permanente.

Francesco Petrarca

Avviso

Articoli

Barba, Il corpo, il rito, il mito

collana:  Piccola Biblioteca Einaudi - Mappe
editore: Einaudi
data pubblicazione: 25/05/2021
pagine: XVI - 376
prezzo: € 25,00
ISBN: 9788806247492
a cura di:
traduzione di:
argomento: 
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
   
ACQUISTA
 

Bruno Barba

Il corpo, il rito, il mito

Un'antropologia dello sport


Lo sport sembra oggi aver conquistato definitivamente il proprio ruolo di «fatto sociale totale» privilegiato per leggere dinamiche culturali piú generali. Eppure non sempre ha goduto di grande considerazione da parte degli scienziati sociali. In particolare, per quello che riguarda l'antropologia, l'attività sportiva ha scontato almeno due pregiudizi: quello di essere legata al tempo libero e quindi di essere percepita come attività ludica e «poco seria» rispetto ad altre che riguardano la struttura familiare, economica, politica o religiosa di una società; e quella di essere considerata troppo legata al corpo e in qualche modo alla natura. Come se il corpo non fosse esso stesso connesso a dinamiche e logiche culturali.

Oggi lo sport è ovunque un grande teatro che coinvolge identità nazionali e capacità di trasformazione culturale; un laboratorio ove sperimentare fattori di ibridazione e meticciato; un fenomeno globale e insieme locale; una fiera delle vanità, una vetrina internazionale – le Olimpiadi, i Campionati del Mondo, i tornei del Grande Slam di tennis – nella quale si esibiscono atleti ma anche filosofie, modi di intendere la religione, il mito, il rito, l’etica, il fair play. Attraverso un’analisi antropologica dello sport – di come un popolo scelga, pratichi, concepisca, si appassioni a una disciplina anziché a un’altra, e di come ne parli, e ne scriva – si può insomma capire come funziona tutta una società.

 

Bruno Barba (Alessandria, 1961) è ricercatore di Antropologia del Dipartimento di Scienze politiche dell'Università di Genova. Studia il meticciato culturale soprattutto in Brasile; l'altra sua area di ricerca è lo sport nei diversi significati antropologici. Tra le sue pubblicazioni: Un antropologo nel pallone (Meltemi 2007), Dio Negro, mondo meticcio (Seid 2013); Rio de Janeiro (Odoya 2015); Calciologia. Per un'antropologia del football (Mimesis 2016); Meticcio (Effequ 2018); 1958. L'altra volta che non andammo ai mondiali (Rogas 2018).


dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...