Dopo aver letto molto, scegli un pensiero che tu possa assimilare in quel giorno. Anch’io faccio così: del molto che leggo prendo sempre qualcosa. Lucio Anneo Seneca

Avviso

Articoli

Cerri, La cura del freddo

    
collana: Super ET Opera Viva
editore: Einaudi
data pubblicazione: 24/09/2019
pagine:  176
prezzo: € 13,00
ISBN: 9788806241933
a cura di:
traduzione di:
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 

Matteo Cerri

La cura del freddo

Come uno spietato killer naturale può diventare una risorsa per il futuro


Da sempre il freddo è stato un implacabile nemico dell'uomo. Ma il freddo non è capace solo di uccidere. Se domato, ha il potere di proteggerci. E forse di fermare il tempo. La storia appassionante di come siamo riusciti a vincere la battaglia contro uno dei nostri avversari naturali piú pericolosi.

Quando nasce, il neonato si trova proiettato in un incubo: in un ambiente freddo anziché caldo, deve subito attivare il metabolismo e bruciare energia per non soccombere. Per l’uomo quindi la vita è calore. Questa verità è cosí forte e significativa che ne associamo anche gli opposti: la morte è fredda. Per gran parte della sua esistenza, l’uomo ha combattuto contro il freddo, forse l’avversario piú subdolo che la natura gli abbia opposto e che nei secoli lo ha falcidiato sui campi di battaglia, durante le esplorazioni o nel tentativo di conquistare le montagne. Eppure alcune persone sono state in grado di sopravvivere in condizioni di freddo estremo, avvicinandosi al confine che separa la vita dalla morte fin quasi a toccarlo, prima di riuscire a tornare indietro. Cosa c’è alla base di questa impressionante capacità di sopravvivenza? Non lo sappiamo ancora, ma da circa due secoli abbiamo imparato che il freddo, se domato e controllato, può trasformarsi in una cura, non diversamente da un farmaco che salva la vita o uccide in funzione del suo dosaggio. Oggi però ci stiamo spingendo oltre. Perché le recenti scoperte scientifiche relative all’ibernazione hanno aperto possibilità straordinarie, spalancando le porte all’esplorazione del sistema solare e alla speranza, sempre piú concreta, di mettere uno scudo fra noi e la morte.

 

Matteo Cerri è un medico, dottore di ricerca in neurofisiologia e ricercatore in fisiologia presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie dell'Università di Bologna. È associato all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, è un membro del Topical Team Hibernation della European Space Agency ed è nel direttivo nazionale della Società italiana di Neuroetica. Scrive per varie riviste, tra cui «Wired» e «Mind». Per Zanichelli ha pubblicato A mente fredda. L ' ibernazione: dal mondo animale all'esplorazione spaziale (2018). Per Einaudi ha pubblicato La cura del freddo (2019)

 

 

Recensioni


dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...