a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


...i libri che ti mancano per affiancarli ad altri nel tuo scaffale, i libri che ti ispirano una  curiosità improvvisa, frenetica e non chiaramente giustificabile.

Italo Calvino

Avviso

Articoli

Weitz, La Germania di Weimar

collana: Piccola Biblioteca Einaudi Ns 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 21/05/2019
pagine: XXII - 520
prezzo: € 28,00
ISBN: ISBN 9788806239671
a cura di:
traduzione di: Piero Arlorio
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 

Eric D. Weitz

La Germania di Weimar

Utopia e tragedia


Nuova edizione ampliata

Questa edizione è arricchita da una nuova introduzione e da un capitolo finale dedicato all'eredità di Weimar, come simbolo di tutte le fragilità che insidiano ogni democrazia.

La Repubblica di Weimar è stata a lungo dipinta solo come un momento di passaggio, seppur drammatico, tra la Grande Guerra e il Terzo Reich. In realtà, fu molto di piú. Il sistema di democrazia parlamentare che seppe realizzare fu sorprendente: non solo perché nacque pochi mesi dopo la fine di un conflitto mondiale da cui la Germania era uscita sconfitta e umiliata da quanto stabilito nel Trattato di Versailles ma, soprattutto, per la portata delle trasformazioni politiche, sociali e del costume che la contraddistinsero. Alle riforme di welfare si accompagnò una vivacità intellettuale e una creatività che fecero in particolare di Berlino una capitale mondiale dell’arte d’avanguardia: la letteratura, l’architettura, il cinema, la fotografia e la filosofia furono rivoluzionati da personalità le cui opere sono divenute capisaldi della cultura occidentale del Novecento. Con una narrazione calibrata e sempre avvincente, Weitz fa rivivere quel periodo di radicali contrapposizioni, con l’ausilio di documenti istituzionali, articoli e testimonianze dirette corredati da immagini e fotografie. Ne emerge un quadro esaustivo dei quattordici anni della repubblica, con le sue molte luci e le sue altrettanto numerose zone buie.

Indice   
Prefazione alla nuova edizione. - Introduzione. - I. Un inizio burrascoso. II. Camminando per la città. III. Mondi politici. IV. Economia turbolenta e società in ansia. V. Costruire una nuova Germania. VI. Immagine e suono. VII. Cultura e società di massa. VIII. Corpi e sesso. IX. Rivoluzione e controrivoluzione da destra. X. L'eredità di Weimar: una prospettiva globale. - Conclusione. - Nota bibliografica. - Ringraziamenti. - Indice dei nomi.

 

Eric D. Weitz è dal 2007 Distinguished McKnight University Professor presso l'Università del Minnesota, dove insegna Storia contemporanea e presiede il Dipartimento di Storia. Membro dell'American Historical Association e dell'International Association of Genocide Scholars, ha dedicato i propri studi essenzialmente alla storia della Germania, a partire dall'unità nazionale, e alle principali questioni internazionali legate ai diritti civili e ai genocidi. Ha pubblicato, fra gli altri, Creating German Communism, 1890-1990: From Popular Protests to Socialist State (1997) e A Century of Genocide: Utopias of Race and Nation (2003). Presso Einaudi ha pubblicato La Germania di Weimar (Saggi 2008 e PBE 2019).

 

Recensioni  

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...