a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


…i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità permanente.

Francesco Petrarca

Avviso

Articoli

Severi, L'oggetto persona

collana: Piccola Biblioteca Einaudi Ns  
editore: Einaudi
data pubblicazione: 15/05/2018
pagine: XVIII - 382
prezzo: € 30,00
ISBN: 9788806205218
a cura di: 
traduzione di: Anna Delfina Arcostanzo
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  
 

Carlo Severi

L'oggetto persona

Rito Memoria Immagine

 

Proseguendo le ricerche sul rito e sulla memoria sociale avviate con Il percorso e la voce, il libro studia l'antropomorfismo dell'oggetto che pervade lo spazio della conoscenza condivisa e della memoria sociale in molte culture umane.

A quali condizioni un oggetto inanimato può - nello spazio della memoria sociale - pensare, parlare o rispondere a uno sguardo? In apparenza, l'oggetto sembra agire come l'immagine speculare dell'essere umano che sostituisce. Proseguendo le ricerche sul rito e sulla memoria sociale avviate con Il percorso e la voce, questo libro dimostra che, quando viene stabilito un legame di credenza, l'oggetto-persona agisce in realtà in modi molto piú complessi. Sia esso un giocattolo, una statuetta rituale, un monumento funebre o un'opera d'arte, questo «essere animato dal pensiero» è piú simile a un cristallo che a uno specchio. Carlo Severi considera, in primo luogo, la produzione di immagini come un «fatto di specie» inseparabile dall'esercizio del pensiero (e quindi universale) e, in secondo luogo, «il gioco dell'arte europeo» solo come uno dei tanti fra quelli che è possibile rischiare con l'immagine, non certo l'unico. Per sviluppare questa ipotesi, l'autore studia tre tipi di spazio: astratto, chimerico e governato dalle leggi della prospettiva. Nell'ambito della stessa cultura, e in ogni cultura, coesistono diversi livelli ontologici legati all'esercizio del pensiero attraverso l'immagine. L'antropologia della memoria cosí come viene costruita da Severi conduce verso un'antropologia generale delle forme di esercizio del pensiero.

Indice
Prefazione. - Ringraziamenti. - Elenco delle illustrazioni. - Introduzione. - I. L'empatia primitivista. Intensificazione dell'immagine e decifrazione dello spazio. - II. L'universo delle arti della memoria. - III. Autorità senza autore. Forme dell'autorità nelle tradizioni orali. - IV. La parola prestata, ovvero come parlano le immagini. - V. Essere Patroclo: rituali e giochi funebri nell'Iliade. - VI. Antropologia dell'arte astratta. Principi analitici e sfide dell'immagine in Claude Lévy-Strauss. - VII. Lo spazio chimerico. Percezione e proiezione. - VIII. La parvenza di vita. Epistemologia della prospettiva occidentale. - Conclusioni. - Bibliografia.

 

Carlo Severi, antropologo, è Directeur d'Études presso l'École des Hautes Études en Sciences Sociales, Directeur de Recherches al CNRS, e membro del Laboratoire d'an-thropologie sociale del Collège de France di Parigi. Tra le sue opere ricordiamo La memoria rituale. Follia e immagine del Bianco in una tradizione amerindiana (Firenze 1993) e (con M. Houseman) Naven, ou le Donner à voir. Essai d'interprétation de l'action rituelle (Parigi 1994). Per Einaudi ha pubblicato Il percorso e la voce (2004) e L'oggetto persona (2018).

recensioni

recensione di Federico De Melis su il manifesto. (leggi)


dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...