Fondare le biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.

Marguerite Yourcenar

Avviso

Articoli

Connell, Mr Bridge

collana: Supercoralli Einaudi
editore: Einaudi
data pubblicazione: 30/04/2018
pagine:  296

prezzo: € 19,50

ISBN: 9788806234188
a cura di:
traduzione di: Giulia Boringhieri
argomento: narrativa straniera
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
  


 

Evan S. Connell

Mr Bridge

 

Connell riesce a fare come pochi altri quello che dovrebbe sempre fare la letteratura: mostrarci il lato dolente e drammatico di ogni vita.

Walter Bridge è un avvocato ambizioso, che sente di dover dare sempre qualcosa in piú alla sua famiglia: gioielli, vestiti, elettrodomestici, rispettabilità. E per farlo sa di dover soprattutto pensare a lavorare, perché funziona cosí in America. Ma non si rende conto in questo modo di creare una voragine dentro di sé, che lo separa giorno dopo giorno proprio dalle persone a cui vorrebbe fare del bene. Dopo aver raccontato con amara tenerezza Mrs Bridge, Evan S. Connell ci mostra l'altro lato della storia. E scopriamo che accanto a quella donna ferita c'è un uomo apparentemente crudele ma, nel suo cuore, tormentato dalle stesse paure.

Walter G. Bridge ama la moglie - è, insieme alla segretaria e alla domestica che a cena gli allieta il palato, la donna piú importante della sua vita… - ma in fondo, non essendo un poeta, non è tenuto a dirglielo. E poi mancano anche le occasioni: lo studio legale lo assorbe completamente. Per fortuna, in casa, la divisione dei ruoli è chiara: a lui il sostentamento, alla moglie l'educazione della prole. Se ci sono da prendere decisioni difficili, però, è pronto a intervenire pronunciandosi con l'autorità e l'eloquenza che gli appartengono. Se necessario, può anche citare Lincoln. È bene infatti che i figli imparino l'importanza delle regole fin da piccoli, perché il lassismo sfocia nel caos sociale. Di fronte a certe intromissioni statalistiche, dice lui, è giusto rivendicare la propria libertà. Saranno pure i tempi del Proibizionismo, ma al suo drink al rientro da una giornata di lavoro Mr Bridge non intende affatto rinunciare. Chi demonizza gli alcolici è un parruccone. Deve capirlo anche la figlia, che con il suo silenzio sembra rimproverargli l'incoerenza: non vorrà mica condannare la madre perché, ogni tanto, si concede un bicchierino di sherry? E cosí, a forza di saggi insegnamenti, i figli crescono e lasciano casa, mentre le stanze si riempiono di argenteria. La routine dei coniugi è spezzata solo da un viaggio in Europa in programma da tempo. Il caso vuole che, proprio mentre sono in Italia, Hitler invada la Polonia. È una coincidenza sfortunata, ma pazienza: tanto di musei Mr Bridge aveva già piene le tasche. Pubblicato nel 1969, Mr Bridge è un mosaico di scene di vita quotidiana disposte in ordine cronologico ma fondamentalmente slegate. Tocca al lettore mettere insieme i pezzi del contraddittorio comportamento del protagonista - le assenze e l'amore per i figli, i gesti altruistici e i pregiudizi verso ebrei e persone di colore, l'attaccamento alla tradizione e la sovversiva insofferenza nei confronti del pastore Foster e della religione in generale - e ricostruirne la mentalità e il carattere sullo sfondo della Kansas City borghese del periodo tra le due guerre mondiali.

 

Evan S. Connell (1924-2013) è nato e cresciuto a Kansas City, nel Missouri. Ha scritto romanzi, racconti, poesie e saggi. Nel 2009 è stato tra i finalisti del Man Booker International Prize alla carriera. Di suo Einaudi ha già pubblicato Mrs Bridge, romanzo gemello di Mr Bridge. Dai due libri James Ivory ha tratto, nel 1990, un film con Paul Newman e Joanne Woodward.

Recensioni



dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...