Ecco quello che non si dovrebbe mai cessare di essere: dei lettori, dei lettori puri, che leggono per leggere, che sanno leggere che, insomma, leggono e basta...

Charles Péguy

Avviso

Articoli

Updike, Corri, Coniglio

collana: Stile libero big
editore: Einaudi
data pubblicazione: 11/10/2016
pagine: 424
prezzo: € 20,00
ISBN: 9788806214753
a cura di:
traduzione di: Bruno Oddera
traduzione di: Federica Oddera
argomento: narrativa straniera
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
      

 

 

John Updike

Corri, Coniglio


Harry «Coniglio» Angstrom, ex campione di basket del liceo, abbandona la moglie e il figlio piccolo spinto da un impulso improvviso. Harry ha ventisei anni, è immaturo ed egoista, un adulto bambino incapace di prendersi le sue responsabilità. Ma, nella sua erratica fuga da una vita mediocre, lo guida un profondo desiderio di libertà. E la sensazione, radicata e perturbante come una fede, di essere nel giusto, che qualcosa di piú grande vigili su di lui, destinandolo alla salvezza. E sono questo desiderio e questa certezza a farcelo sentire simile come un fratello e a fare di lui un simbolo dell'America. Torna, in una nuova versione, il capolavoro che ha rivelato John Updike come uno dei piú importanti scrittori del xx secolo.

Con una Postfazione inedita dell'autore.

 

John Updike nasce a Reading nel 1932 ma si trasferisce a Shillington, sempre in Pennsylvania, poco dopo la nascita. A Shillington, dove suo padre insegnava scienze al liceo (come il protagonista del Centauro), vive gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza per poi andare a studiare alla Harvard University. Dopo la laurea si trasferisce in Inghilterra per frequentare la Ruskin School of Fine Arts di Oxford. Tornato negli Stati Uniti, nel 1955 entra nella redazione del «New Yorker». Dopo soli due anni lascia la prestigiosa rivista, con la quale comunque continuerà a collaborare per tutta la vita, e si ritira in campagna per dedicarsi esclusivamente alla scrittura. Il suo primo romanzo, Festa all'ospizio (1959), è ben accolto ma il primo importante riconoscimento arriva con Il centauro (1963), che vince il National Book Award sconfiggendo in finale Malamud, Mary McCarthy e il giovanissimo Pynchon. La serie di romanzi che lo rende più famoso è quella con il protagonista soprannominato Coniglio: Corri, Coniglio (1960); Il ritorno di Coniglio (1971); Sei ricco, Coniglio (1981) e Riposa Coniglio (1990). La serie è ora in corso di ripubblicazione da Einaudi Stile Libero. Muore nella sua casa di Danvers, Massachusetts, nel 2009, per un tumore ai polmoni.

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...