Dopo aver letto molto, scegli un pensiero che tu possa assimilare in quel giorno. Anch’io faccio così: del molto che leggo prendo sempre qualcosa. Lucio Anneo Seneca

Avviso

Articoli

Civati, Qualcuno ci giudicherà

Collana: Stile Libero extra
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2014
pagine: 152
prezzo: € 13,00
ISBN: 9788806219017
a cura di:
introduzione di:
traduzione di:
argomento:
formato: brussura
per l'acquisto scegli tra:
      
 ACQUISTA
 

Giuseppe Civati
Qualcuno ci giudicherà

La sfida per il cambiamento dell'Italia

 

«Qualcuno, un giorno, ci giudicherà. Valuterà quello che abbiamo fatto, ne osserverà le conseguenze. Ci ringrazierà o forse ci condannerà. Per sempre. E lo farà perché lui è il vero destinatario delle nostre imprese. Il cittadino cui dobbiamo rivolgerci nei comizi, nei comunicati stampa. Il nostro elettore ideale, anche se non ci potrà votare». Giuseppe Civati, Qualcuno ci giudicherà

Un pamphlet per l'Italia.

L'Italia è un Paese dove i giovani dipendono dai vecchi, dove «è Anchise a portare sulle spalle Enea mentre la città brucia. Non il contrario, come sarebbe naturale». E «dove nessun futuro è stato pensato per Ascanio, il nipote». Partendo da questa constatazione, Giuseppe «Pippo» Civati, uno dei politici più noti della sinistra italiana, ci racconta la sua versione dei fatti. Ci dice quali sono gli attori che si contendono la scena. Quali sono gli ostacoli a un cambiamento che non può più essere rimandato. Perché se oggi è il momento di fare, e di fare in fretta, non possiamo però ripetere l'errore che segna da sempre la vita del nostro Paese, quello di agire senza riflettere, senza pensare alle ripercussioni delle nostre scelte sulle prossime generazioni.

 

Giuseppe Civati è nato a Monza nel 1975. Dopo la laurea e il dottorato ha collaborato con la cattedra di Storia della filosofia dell'Università di Milano. Ha svolto lavoro di ricerca a Firenze e Barcellona. È stato consigliere regionale della Lombardia dal 2005 al 2013 e dal 2009 è membro della direzione nazionale del Partito democratico. Il 25 febbraio 2013 è stato eletto alla Camera dei deputati. Nel 2014 ha pubblicato per Einaudi Stile Libero Qualcuno ci giudicherà.

 

Recensioni

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...