Avviso

Articoli

Pacht, Van Eyck

 

collana: Grandi Opere Einaudi  
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2013
pagine:  XXII-274
prezzo: € 68,00
ISBN: 9788806207489
a cura di: Fabrizio Crivello
prefazione di: Artur Rosenauer
traduzione di: Cristina Spinoglio
argomento: arte
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:

 


 

Otto Pächt

Van Eyck

I fondatori della pittura fiamminga


Questo libro di Otto Pächt si occupa di uno dei problemi centrali della storia dell'arte occidentale: la nascita di un nuovo tipo di pittura negli antichi Paesi Bassi, quella fiamminga; gli artisti che furono i promotori di questo rinnovamento sono il Maestro di Flémalle e i fratelli Van Eyck, mentre il Polittico di Gand appare come opera centrale che apre, al tempo stesso, nuove discussioni.

Questo libro di Otto Pächt si occupa di uno dei problemi centrali della storia dell'arte occidentale: la nascita di un nuovo tipo di pittura negli antichi Paesi Bassi, quella fiamminga; gli artisti che furono i promotori di questo rinnovamento sono il Maestro di Flémalle e i fratelli Van Eyck, mentre il Polittico di Gand appare come opera centrale che apre, al tempo stesso, nuove discussioni. Questa svolta non è caratterizzata soltanto da un nuovo tipo di tecnica pittorica, ma soprattutto da una inedita concezione della rappresentazione, liberata da costrizioni ideologiche. Intorno a questi temi, a questi artisti e alle loro opere (dal Maestro di Flémalle a Jan Van Eyck, dal Polittico di Gand a Hubert Van Eyck e al Libro d'Ore di Torino) si snodano i cinque capitoli in cui è suddiviso il testo che, senza voler trattare da un punto di vista monografico né le personalità artistiche, né tanto meno i loro celebri dipinti, mira a tracciare un disegno complessivo del nuovo linguaggio figurativo, che dissolse a nord delle Alpi la tradizione medievale e introdusse la prima idea di realismo moderno. Pächt procede attraverso una sapiente e serrata lettura formale del dipinto, dal quale non si allontana mai. Anche per questo le numerosissime riproduzioni a colori accompagnano costantemente il lettore in una vera e propria galleria di capolavori.

«Pächt non sarebbe stato un rappresentante molto consapevole della scuola di Vienna, se nella sua concezione non avesse giocato un ruolo fondamentale la questione sulla posizione storico-evolutiva dell'arte flémalliana e eyckiana. Il presente testo non è infatti una monografia, ma un'inchiesta storico- stilistica sulla nascita della pittura negli antichi Paesi Bassi. Per Pächt si tratta di "sforzarsi di vedere e di comprendere un processo rivoluzionario di nascita come sviluppo organico" [...]; si basa sulla descrizione e sull'analisi dell'opera, e poi solo allora tende i fili che la collegano alla tradizione. [...] Naturalmente, Pächt garantí per le posizioni che ritenne corrette, ma si guardò altrettanto dalle conclusioni affrettate: "Per noi, qui conta soltanto che si metta in evidenza un ordine stilistico interno, e perciò anche cronologico, del materiale eyckiano: questo ci deve permettere di distinguere tra fatto e ipotesi, e di essere consapevoli delle questioni ancora aperte che non otterrebbero risposta attraverso una conoscenza intorno alle etichette esterne, Hubert, Jan o XY". Probabilmente la discussione sull' "enigma dell'arte dei fratelli Van Eyck" non verrà mai messa a tacere; nemmeno Pächt l'ha risolta. Ma egli ci ha insegnato a vedere le opere in modo corretto e a comprendere meglio la questione». Artur Rosenauer

 

Otto Pächt (1902-1988), viennese e principale esponente della seconda Scuola di Vienna, è stato uno dei massimi storici dell'arte del secolo scorso. Abbandonata l'Austria a causa delle persecuzioni razziali, trovò rifugio in Inghilterra, dove per molti anni insegnò e svolse le sue ricerche. Chiamato a insegnare all'Università di Vienna nel 1963 e frequentemente invitato nei piú celebri centri di ricerca negli Stati Uniti, in Inghilterra e in Francia, la sua fama si è presto diffusa in Europa e in America. Appassionato e incomparabile conoscitore della miniatura medievale, ha dedicato numerose ricerche alla pittura fiamminga del XV secolo; in particolare quelle dedicate ai fratelli Van Eyck rappresentano un contributo fondamentale per la riflessione storico-artistica, come dimostrano le lezioni riunite in questo volume. Della sua vasta bibliografia si possono leggere in traduzione italiana La miniatura medievale. Una introduzione (Torino 1987; seconda ed. rivista Torino 2013); Metodo e prassi nella storia dell'arte (Torino 1994); La pittura veneziana del Quattrocento (Torino 2005); La scoperta della natura. I primi studi italiani (Torino 2011); Van Eyck. I fondatori della pittura fiamminga (Einaudi 2013).

Recensioni   

«Van Eyck, i fratelli artisti che dissolsero il Medioevo» di Cesare De Seta - La Repubblica 04/01/14

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...