Avviso

Montale, Le occasioni

collana: Classici italiani annotati
editore: Einaudi
data pubblicazione: 1996
pagine:  112
prezzo: € 32,00
ISBN: 9788806165185
a cura di: Dante Isella
argomento: classici
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
      


 

Eugenio Montale

Le occasioni


Il 'colophon' delle Occasioni porta la data, di per sé eloquente, del 14 ottobre 1939. Il secondo libro montaliano, pubblicato da Einaudi a Torino (come il primo, Ossi di seppia, da Gobetti nel '25), usciva poco più di un mese dopo l'invasione nazista della Polonia e la dichiarazione di guerra alla Germania di Francia e Inghilterra. Se nella primavera del 1915 la miglior gioventù mandata a combattere per Trento e Trieste era partita mettendo nello zaino le poesie di Carducci, quella spedita dall'Italia fascista sui vari fronti della nuova guerra si trovò a portare con sé quel libro di versi, che, nella sua visione aspra, problematica della vita, dava voce anche al silenzioso rifiuto di tutte le false certezze di un'epoca menzoniera. Si comprende, quindi, come le Occasioni siano il libro più radicato nel sentimento di quelle generazioni tragicamente travolte dalla bufera della storia. E anche il più amato. Nonostante una certa oscurità, ostica a un'intelligenza immediata, la parola di Montale esprimeva, insieme, un assoluto disincanto e uno strenuo ardore; non prospettava una posizione di resa incondizionata alle così dette forze del male, bensì un'inesausta ricerca di ogni minimo barlume di luce che desse forza al vivere.

 

Eugenio Montale nasce a Genova nel 1896. Negli anni giovanili si diploma in ragioneria, studia canto e, come autodidatta, legge moltissimi scrittori e poeti. I suoi principali libri di poesia sono quattro: Ossi di seppia (1925), Le occasioni (1939), La bufera e altro (1956), Satura (1971). Ha diretto il Gabinetto Vieusseux di Firenze dal 1928 al 1938 (quando fu allontanato dall'incarico per essersi rifiutato di iscriversi al Partito nazionale fascista). Nel dopoguerra è stato assunto come giornalista al "Corriere della Sera". Nel 1975, cinque anni prima della morte, gli è stato assegnato il Premio Nobel per la letteratura. Disponibili nel catalogo Einaudi: Le occasioni e Finisterre, entrambi con il commento di Dante Isella, e Proda di Versilia, con il commento di Enrico Testa (Quanti Einaudi 2013).

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi 
   

Condividi questo articolo su...