Avviso

Nuovo mondo

collana: i Millenni  
editore: Einaudi

Gli Inglesi 1496 - 1640

a cura di: Franco Marenco

traduzione di: Franco Marenco
traduzione di: Flavia Marenco
traduzione di: Marco Pustianaz
traduzione di: Mario Melchionda
 
ISBN: 9788806122652, 1990, pp. XXXVII-777, € 56,81, con 7 cartine nel testo di cui 5 a colori e 30 illustrazioni fuori testo di cui 22 a colori.
 

Gli Italiani 1492 - 1565

a cura di: Paolo Collo
a cura di: Pier Luigi Crovetto
 
ISBN: 9788806125936, 1991, pp. XL-703, € 56,81, con 8 cartine nel testo e 25 illustrazioni  a colori fuori testo.
 

Gli Spagnoli 1493 - 1609 

a cura di: Aldo Albònico
a cura di: Giuseppe Bellini
 
ISBN: 9788806130237, 1992, pp. XXX-948 € 67,14, con 24 illustrazioni  a colori fuori testo.
 
argomento: classici 
formato: rilegato in cofanetto
per l'acquisto scegli tra:
      
ACQUISTA
 

NUOVO MONDO


Serie diretta da  Paolo Collo e Pier Luigi Crovetto.

Documenti della storia della scoperta e dei primi insediamenti europei in America, 1492-1640

Gli Inglesi 1496 - 1640

Gli Inglesi in America: ovvero i primi contatti che quella nazione nord-europea ebbe con un mondo sul quale avrebbe impresso, nel corso della storia, il segno della sua dominazione e della sua cultura, fino a fare un tutt'uno della civiltà sulle due sponde dell' Atlantico, non solo durante il periodo coloniale strettamente inteso ma anche ben al di là di esso; le prime ipotesi, le prime esperienze, i primi entusiasmi e le prime delusioni, i tentativi di interpretazione, la ricerca del possesso intellettuale e poi fisico, il continuo confronto con l'alterità assoluta del Nuovo Mondo, e ciò da parte di un paese arrivato tardi sulla scena delle scoperte, civilmente arretrato e militarmente debole rispetto alle potenze europee che per prime avevano ripercorso la rotta di Colombo in un esodo di massa.
Questa scelta di documenti, la piú ampia mai pubblicata nel nostro paese, prende avvio dalle spedizioni dell'ultimo ventennio del Quattrocento - anteriori quindi alla scoperta di Colombo - la cui memoria e destinazione restano tuttora oscure; e si interrompe nel terzo decennio del Seicento, quando due colonie inglesi sono ormai insediate sul suolo americano. Fra queste date estreme, la grande vicenda del primo espansionismo britannico: le navigazioni di Giovanni Caboto e di suo figlio Sebastiano (1496-1517) assicurano un titolo sulle regioni a nord, le coste del Labrador e Terranova. I maggiori navigatori inglesi, da Frobisher a Davis a Hudson, si impegnano invano nella ricerca di un passaggio a nord-ovest fra l'America e l'Asia (1527-1611). L'isola di Terranova attira, insieme alle flotte di pescherecci nelle loro spedizioni annuali, turisti e progetti coloniali (1536-1613). Il Centro-america, e i Caraibi soprattutto, sono visitati prima da mercanti che violano il monopolio commerciale degli Spagnoli - e, catturati, soffrono le persecuzioni religiose - poi da corsari e pirati in numero sempre piú rilevante (1530-70). Alla vigilia del conflitto aperto con la Spagna, Francis Drake compie la seconda circumnavigazione del globo (1577-80), saccheggiando i porti spagnoli del Pacifico e aprendo la stagione delle piú audaci incursioni per predare i tesori americani (1585-1603). In Guiana, cercando l'Eldorado, Sir Walter Ralegh vuole eguagliare le conquiste spagnole del Messico e del Perú (1595-96). Gli inizi dell'America moderna si disegnano nel faticoso avvio delle colonie in Virginia (1584-1610) e nella Nuova Inghilterra (1602-40).
Documentate passo per passo dalle maggiori narrazioni giunte sino a noi, le vicende cruciali di questa espansione vengono collegate da introduzioni storiche premesse a ciascun capitolo, e presentate da un'introduzione generale dedicata ai loro aspetti culturali.


Gli Italiani 1492 - 1565

Verso le Americhe, gli Italiani sono «traduttori e divulgatori dei grandi geografi e cosmografi dell'antichità, oltre che geografi e cosmografi in proprio. Grandi marinai, esperti della navigazione oceanica, cartografi. Banchieri attivi nelle zone piú esposte ai venti dell'Oceano (Andalusia e Siviglia in particolare), finanziatori di flotte. Persino titolari delle ragioni economiche che spingono alla ricerca delle nuove rotte in direzione dell'Oriente delle spezie e delle sete. Non stupisce pertanto che si mettano "al servizio di piú principi", facendosi essi pure parte nella formazione dei grandi stati fortemente centralizzati».
Di tale ruolo è emblema e summa la raccolta - la piú organica e completa finora apparsa - offerta in questo secondo volume della serie Nuovo Mondo. Un ampio corpus di lettere, cronache, resoconti: dai quattro viaggi di Cristoforo Colombo, descritti dalle pagine dello stesso Ammiraglio del Mare Oceano, di Michele de Cuneo, di Bartolomeo e Fernando Colombo, alle imprese di Amerigo Vespucci, di Giovanni e Sebastiano Caboto, di Giovanni da Verrazzano; dalla circumnavigazione del globo, narrata da Antonio Pigafetta e Giovanni Battista da Poncevera, alla ricerca delle mitiche Sette Città di Cibola di Marco da Nizza; e poi gli scritti di mercanti fiorentini, come Fiaschi o Nicolozzi, di religiosi, come Francesco Alle, via via fino alla Historia del Mondo Nuovo di Girolamo Benzoni. A completamento del quadro generale, un'Appendice dedicata alle «prime notizie sulla Scoperta e carteggi diplomatici».


Gli Spagnoli 1493 - 1609

Viaggi, incontri, mondi nuovi

Charles Darwin, La variazione delle piante e degli animali domestici

Marco Polo, Il Milione

Nuovo mondo: Gli Italiani, Gli Inglesi, Gli Spagnoli

Ramusio, Navigazioni e viaggi

Condividi questo articolo su...