Avviso

Chateaubriand, Il genio del cristianesimo

collana: i Millenni    
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2014
pagine: CX - 880
prezzo: € 90,00
ISBN: 9788806193140
a cura di: Mario Richter
traduzione di:
Illustrazioni:
argomento: classici
formato: rilegato in cofanetto
per l'acquisto scegli tra:
      
ACQUISTA
 
 

François-René de Chateaubriand

Il Genio del cristianesimo


Colonna portante del romanticismo, vivo punto di riferimento per la letteratura moderna, il Génie è anche opera faziosa che non ha mai smesso di dividere gli animi e di suscitare, talvolta, reazioni violente ed estreme. Piace riportarlo al centro dell'attenzione in tempi di rinnovate discussioni sulle «radici cristiane dell'Europa».

Il 14 aprile del 1802 il Génie du christianisme appare per la prima volta in libreria. Quattro giorni dopo entra in vigore il Concordato tra Santa Sede e Repubblica francese. La riscossa della religione in Francia è congiuntamente politica e culturale. L'opera di Chateaubriand, concepita allo scadere del secolo dei Lumi, era stata scritta col principale intento di dare un'articolata illustrazione del mondo cristiano - soprattutto cattolico - in contrapposizione con l'entusiasmo rivoluzionario che aveva tentato di cancellarlo, dimostrandone la superiorità morale ed estetica. Un libro vessillo che avrebbe sostituito in tutta Europa i gusti neoclassici dell'Illuminismo con il nuovo immaginario romantico. Col suo Génie, scritto in una prosa suggestiva e ricca di fascino, Chateaubriand pone le basi di un rinnovato umanesimo, insieme cattolico e popolare, sintesi di ragione e fede, di storia e poesia: un umanesimo sottratto alla presunzione di ogni forma di razionalismo e totalmente aperto all'accoglienza di una religione rivelata capace di rendere efficace la potenza creatrice della parola.

 

Di François-René de Chateaubriand (1768-1848), scrittore, viaggiatore, soldato, pubblicista e ministro francese è nota la travagliata relazione con Napoleone, cui dedicò la seconda edizione del Il genio del cristianesimo (1802). Durante la Restaurazione svolse una intensa attività politica. Per essersi rifiutato di collaborare con Luigi Filippo, perché fedele ai Borboni, subí persecuzioni e il carcere. Tra le sue opere, oltre alle Memorie d'oltretomba (1848-50), sono da ricordare: Atala (1801), René (1805) e la Vita di Rancé(1844).

 


Recensioni   

«I templi di René» di Carlo Carena - Il Sole 24 ore domenica 12/10/2014

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi   

Condividi questo articolo su...