...se non ci fossero i libri, noi saremmo tutti rozzi e ignoranti, senza alcun ricordo del passato, senza alcun esempio; la stessa urna che accoglie i corpi cancellerebbe anche la memoria degli uomini.

Cardinale Bessarione

Avviso

Céline, Nord


collana: Letture Einaudi  
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2014
pagine:  504
prezzo: € 25,00
ISBN: 9788806207991
prefazione di: Massimo Raffaeli 
traduzione di:  Giuseppe Guglielmi
argomento: narrativa straniera
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  



 

Louis-Ferdinand Céline

Nord


«Con Nord il filo della storia è spezzato, bruciato in un cimitero di fantasmi». Giuseppe Guglielmi

Nord è l'ultimo romanzo pubblicato in vita da Céline (nel 1960). È il secondo tassello della «trilogia» tedesca, che rievocava in maniera fantastica, orrifica e comica le peregrinazioni di Céline, della moglie Lili e del gatto Bebert per la Germania in rovina sotto i bombardamenti alleati tra il 1944 e il 1945. Dei tre libri Nord è quello che racconta gli episodi iniziali dell'odissea céliniana ed è quello in cui le avventure individuali dei protagonisti spiccano maggiormente nel caos collettivo che li circonda e li inghiotte.
Spiccano anche le figure degli altri collaborazionisti francesi profughi in Germania: un'umanità infernale e grottesca attanagliata dalla fame, che si spia, che odia. Di fronte a loro i tedeschi, il loro disprezzo per questi alleati straccioni, il loro gusto di uccidere per un nonnulla. Il tutto in una prosa egocentrica e ossessiva, specchio mirabile del suo autore.

La partitura musicale del testo, gli andirivieni spazio-temporali, l'oralità che simula la voce esclamativa e gridata in sovratoni spasmodici, il porgere gesticolante e più spesso ammiccante, sono i sintomi di un processo di somatizzazione della Storia per cui, fatalmente, gli avvenimenti retrocedono in uno sfondo scuro e opaco mentre vengono in primo piano, per definirsi con violenza aggettante, i riflessi psicosomatici, le ferite fisiche o psichiche e la loro impossibile cicatrizzazione. La verità di Nord e della Trilogia non è il risultato di una ritrattazione (perché Céline purtroppo non rinnega nulla dei propri trascorsi) né l'esito della strategia vittimistica che mira ad adulterare, in mala fede, il senso del suo antico antisemitismo, ma è semmai la perfetta stilizzazione di un patema. È il dolore nella sua esattezza lancinante, animale, che affiora pulsando senza più la necessità di un referente o di un capo di imputazione. Dalla prefazione di Massimo Raffaeli

 

Louis-Ferdinand Céline nasce a Courbevoie, un sobborgo di Parigi, nel 1894. Trascorre l'infanzia nel Passage Choiseul di Parigi, dove la madre ha un negozio di porcellane e merletti. Dopo la prima guerra mondiale, durante la quale viene ferito e decorato, si laurea in medicina. Fa il medico dei poveri a Montmartre e inizia a scrivere. I suoi primi due romanzi, Viaggio al termine della notte (1932) e Morte a credito (1936) ricevono entusiastici apprezzamenti. Successivamente pubblica tre pamphlet antisemiti che fanno scandalo e lo emarginano dagli ambienti letterari. Su posizioni filo-naziste, nel 1944, con la liberazione della Francia da parte degli alleati, fugge in Germania e di lì ripara poi in Danimarca dove dopo la guerra viene incarcerato per collaborazionismo. Amnistiato nel 1951, torna in Francia e riprende l'attività di medico e di scrittore vivendo come auto-recluso in una casa di Meudon, alla periferia di Parigi, insieme alla moglie Lucette, a vari cani, gatti e a un pappagallo. A Meudon muore nel 1961, dopo aver rievocato i drammatici anni 1944-45 nella Trilogia del Nord. Delle sue opere, nel catalogo Einaudi: Guignol's Band I e II, Casse-pipe, Trilogia del Nord, Pantomima per un'altra volta, Colloqui con il professor Y, Da un castello all'altro , Rigodon e Nord.

 

Dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...