Fondare le biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.

Marguerite Yourcenar

Avviso

Zentner, Il ghiaccio fra le mani


collana: Supercoralli   
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2012
pagine:  248
prezzo: € 19,50
ISBN: 9788806205652
a cura di:
traduzione di: Federica Oddera
argomento: narrativa straniera
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
  


 

Alexi Zentner

Il ghiaccio fra le mani

 

Jeannot è riapparso dopo trent'anni passati a fuggire ai suoi demoni, con l'unica compagnia delle ossa dell'uomo che ha ucciso due volte. È tornato per reclamare la sola donna che abbia mai amato, strapparla al bosco e alle creature che lo abitano. E poco importa che Martine sia morta: Sawgamet si trova al confine che divide il mondo degli uomini dal mistero insondabile ed eterno della foresta e del ghiaccio.
Una storia che ha il passo lungo del mito e l'incanto del fantastico, e mette in contatto il lettore con territori profondi dove vivono entità più antiche della Storia, dove giacciono verità universali. Dove nascono i sogni.

Jeannot è tornato. Dopo trent'anni in cui ha vagabondato per le foreste insieme alle ossa dell'uomo che ha ucciso due volte e il ricordo di un cane che cantava agli spettri, Jeannot è tornato. È tornato nel villaggio che aveva fondato lui stesso, anni prima: un manipolo di cercatori d'oro e taglialegna, di uomini impastati di coraggio e disperazione che hanno strappato quel brandello di terra alle silenziose immensità delle foreste del Nord canadese.
Ma ciò che la maggior parte degli uomini scambia per silenzio è la voce delle creature che abitano le accecanti tenebre della neve: loup-garou e ijirait, mutaforma e divinità indiane, streghe del mare e il misterioso caribù dorato. Jeannot ne distingue le voci, ne conosce i nomi e le magie. Ma è tornato troppo tardi, dopo che il figlio Pierre e la nipotina sono stati inghiottiti dal fiume, forse a causa di una maledizione che grava sul patriarca: il ghiaccio non dimentica e il bosco pretende sempre qualcosa dagli uomini che hanno l'audacia - o la follia - di sfidarlo.
Da quali demoni (non solo interiori) sta fuggendo Jeannot? Cosa successe a Pierre e alla sua mano mozzata, o quale destino attende Stephen, l'ultimo discendente della famiglia e narratore di questa storia composta di mille storie? L'unica cosa che si sa, per ora, è che Jeannot è tornato per uno scopo: far rivivere la moglie morta.
Perché Il ghiaccio fra le mani è la storia di un villaggio e di tre generazioni, di uomini e dèi, di spettri e animali, di vivi e morti. Ma soprattutto è la storia di amori così forti da attraversare le foreste del tempo, di corpi che nell'abbraccio danno fuoco ai ghiacci eterni.
Zentner racconta i legami misteriosi e sfuggenti che uniscono il cuore della natura più selvaggia a quello degli uomini, e lo fa come se un García Márquez del Nord raccontasse una sinistra fiaba dei fratelli Grimm: il buio di una foresta impenetrabile, il gelo di una strega dei ghiacci, la paura di una tormenta imminente. Ma tutto ciò viene, a ogni pagina, illuminato dall'amore di personaggi così reali che nessun lettore avrà il coraggio di abbandonarli nella tormenta.

 

Alexi Zentner è nato a Kitchener, Ontario. I suoi racconti sono apparsi sul «Atlantic Monthly», «Narrative Magazine», «Tin House», «Slice Magazine » e altre riviste. Il racconto da cui sarebbe nato Il ghiaccio fra le mani ha vinto l'O. Henry Prize Stories 2008. Il ghiaccio fra le mani è il suo primo romanzo ed è già stato venduto in Canada, Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Olanda, Israele, Corea.

   

Condividi questo articolo su...