De Silva, Sono contrario alle emozioni

collana: Super ET
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2013
pagine: 176
prezzo: € 11,00
ISBN: 978880214982
a cura di:
traduzione di:
argomento: Narrativa italiana
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
          


 

Diego De Silva

Sono contrario alle emozioni

Lo scoppiettante sproloquio di un uomo che soffre per amore, e che invece di piangere si ride addosso.

Quando Vincenzo Malinconico fa l'avvocato di se stesso si difende come può, ubriacandosi di domande e avvalendosi della facoltà di non rispondere. Ma la verità è che non vuole parlare di sé, figuriamoci delle sue emozioni. Anche se è in cura da uno psicoterapeuta, non ha nessuna intenzione di dire la verità. Anzi, è il peggior paziente che si possa immaginare: bugiardo, logorroico, reticente, provocatore sino allo sfinimento.
Non sappiamo se le sue acute stupidaggini siano un campionario di alibi, ma il bello è che, ridendo e andando in giro con lui, finiamo per dargli ragione su tutto. Tagliarsi la lingua leccando una busta è un infortunio o nasconde qualcosa? Sotto Raffaella Carrà si cela un'artista d'avanguardia? E una palma mozzata sul lungomare può falsificare in un attimo il bilancio di un¿intera esistenza?
Un romanzo vorticoso, fatto di pezzi di bravura, comici, filosofici, sempre folgoranti, dove la scrittura si palesa al lettore in una delle sue vesti piú originali: quella di strumento per capire come la pensiamo sulle cose.

Diego De Silva è nato a Napoli nel 1964. Presso Einaudi ha pubblicato il romanzo Certi bambini (2001), premio selezione Campiello, da cui è stato tratto il film omonimo diretto dai fratelli Frazzi. Sempre presso Einaudi sono usciti i romanzi La donna di scorta (2001), Voglio guardare (2002 e 2008), Da un'altra carne (2004 e 2009), Non avevo capito niente (2007 e 2010, Premio Napoli, finalista al premio Strega), Mia suocera beve (2010 e 2012), Sono contrario alle emozioni (2011 e 2013), Mancarsi (2013) e la pièce Casa chiusa, pubblicata con i testi teatrali di Valeria Parrella e Antonio Pascale nel volume Tre terzi. Suoi racconti sono apparsi nelle antologie Disertori, Crimini, Crimini italiani, Questo terribile intricato mondo. I suoi libri sono tradotti in Inghilterra, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Portogallo e Grecia.

 

 

 

 

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...