Avviso

Erasmo, Giulio

collana: NUE . Nuova Universale Einaudi
editore: Einaudi

data pubblicazione: 2014

pagine: CXLIV - 176
prezzo: € 28,00
ISBN: 99788806210991
a cura di: Silvana Seidel Menchi
contributi di:
traduzione di: 
argomento: classici - testo latino a fronte
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
      



 

Erasmo da Rotterdam

Giulio

 

Pietro Se mai incutesti terrore ad alcuno con cotesti fumi e ombre, sappi che essi non hanno corso in questo luogo. Qui tu devi venire con cose di sostanza. Questa rocca si conquista con il benefare, non con il maledire. Ma, di grazia, tu mi brandisci contro il fulmine della scomunica. Con che diritto, dimmi?
Giulio Pieno diritto. Perché tu ormai sei un privato, non hai piú autorità di un prete qualsiasi, anzi non sei neanche prete, perché sei inabilitato a consacrare.
Pietro In quanto morto, suppongo.
Giulio Appunto.
Pietro In base a questo criterio, però, tu non sei in condizione migliore della mia. Siamo pari, da morto a morto.
Giulio Oh no! Finché i cardinali litigano per l'elezione del nuovo pontefice, l'amministrazione della Chiesa è in mano mia.

Erasmo da Rotterdam, Giulio

La storia è quella di papa Giulio II che, una volta morto, cerca di varcare le porte del paradiso ma viene respinto da san Pietro. Furibondo, cerca di convincere il piú antico collega che la sua idea di Chiesa è vecchia e superata, cerca di «convertirlo» agli ideali della forza, del denaro, del potere. Ma, nonostante lo minacci con le sue armate, dal paradiso rimarrà fuori. Al di là della caricatura personale - un Giulio II ubriacone, omosessuale e sifilitico ricavato in parte dalla vox populi del tempo - l'aspetto piú sovversivo del dialogo è lo svelamento della degradazione del papato come istituzione. È ovvio che un uomo prudente in termini di ortodossia come Erasmo poteva essere orgoglioso del suo pamphlet in comunicazioni private ma non poteva permettersi di firmarlo, e che quando i suoi ex amici luterani prendono lo Iulius come un libro-bandiera per le proprie battaglie si impegnerà a fondo per negarne la paternità. Ma i moderni filologi, tra i quali eccelle Silvana Seidel Menchi, glielo riattribuiscono a distanza di circa cinque secoli in maniera inoppugnabile. La storia di questo libello, che la curatrice ripercorre nell'affascinante saggio introduttivo, attraversa gli anni cruciali della Riforma e incrocia tutti i protagonisti della grande battaglia teologico-culturale che ha forgiato l'Europa all'inizio della modernità.

Dietro al dialogo si intravede un cospicuo investimento di talento: investimento nella ricerca linguistica, investimento nella costruzione di effetti comici o drammatici, investimento nella raccolta delle fonti di informazione, investimento nella inventio. Varrebbe la pena di analizzare il dialogo dal punto di vista degli imprestiti dal lessico della commedia (Plauto, Terenzio) e di riflettere sull'uso sapiente di interiezioni, formule deprecatorie, avverbi variamente combinati fra loro, il tutto al fine di modulare il tono della voce degli interlocutori (dal furore all'ammiccamento, dalla minaccia all'ironia, dalla risata alla parenesi). Questo investimento di talento letterario renderebbe una traduzione scolastica, di quelle che piacciono ai nostri pedanti, un sostanziale tradimento dell'originale. La mia traduzione vuol essere un'interpretazione fedele, ma non è sempre una traduzione letterale. Riportare in luce qualche debole scintilla di quello che fu lo sfolgorio originale dell'operetta è stato il mio obiettivo primario.

 

Di Erasmo da Rotterdam Einaudi ha pubblicato l'Elogio della pazzia, Il lamento della Pace e Modi di dire. Adagiorum collectanea, a cura di Carlo Carena; i Colloquia e gli Scritti religiosi e morali a cura di Adriano Prosperi e Cecilia Asso; Adagia. Sei saggi politici in forma di proverbi e il dialogo Giulio, entrambi a cura di Silvana Seidel Menchi

 

recensioni   

«Giulio II, ilpotere logora chi ce l'ha» di Giuseppe Montesano - il Mattino 04/02/2014

«Dal Rinascimento il "Giulio" che imbarazzava Erasmo» di Bianca Garavelli 14/02/14

«La follia di Erasmo contro l'eresia del Papa-Dio Giulio II» di Adriano Prosperi - La Repubblica 05/03/14

«Giulio II e San Pietro a male parole» di Roberto Giannetti - Alias 09/03/14


Gli altri titoli della collana

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...