Avviso

Sofocle, Elettra - Fondazione Valla

collana: Fondazione Valla
editore:  Mondadori
data pubblicazione: 29/10/2019
pagine: 536
prezzo: € 50,00
ISBN:  9788804715658
a cura di: Francis Dunn e Liana Lomiento
introduzione di:
traduzione di: Bruno Gentili
argomento:
formato: rilegato - testo greco a fronte
per l'acquisto scegli tra:
      
ACQUISTA
 

Sofocle

Elettra

 

L’Elettra di Sofocle ha sempre goduto, nei duemilacinquecento anni dalla sua comparsa, di una popolarità eccezionale, tanto da conoscere numerosissime riscritture sino all’Elektra di Hofmannsthal (poi trasformata in memorabile opera in musica da Richard Strauss), a O’Neill, Giraudoux e Sartre. La personalità della protagonista vi campeggia assoluta. La trama si svolge con rapidità stupefacente, ma con una quantità di svolte e raddoppiamenti sensazionali. Il tessuto lirico, drammatico e melodrammatico è teso come la corda di una lira. In questa edizione si dà una lettura nuova della protagonista: Elettra vi è interpretata come un “problema” «in quanto ostacola i cospiratori e ruba la scena ai loro piani»; il dramma stesso si configura come “problema”, «perché è privo del normale meccanismo che serve a portare avanti la trama». Davanti alla sconfitta ateniese nella guerra contro Sparta, Sofocle sceglie di «sondare più da vicino l’individuo drammatico», ma anche qui sorgono questioni non indifferenti: per esempio, «può un individuo eroico essere esemplare se la forza della sua personalità non è diretta contro potenti antagonisti ma resta un’esibizione largamente inefficace da parte di una persona», come Elettra, «posta ai margini»?

E ancora: perché Sofocle complica la trama del riconoscimento tra Elettra e Oreste già resa celebre dalla versione di Eschilo? Nell’Elettra sofoclea tale intreccio si sviluppa in una serie di scene di finzione che vedono il Precettore narrare la morte di Oreste; poi la sorella Crisotemi annunciare che è vivo e raccontare una replica dell’episodio, ben noto dalle Coefore, presso la tomba di Agamennone; quindi la comparsa dell’urna, portata da Oreste stesso, che ne conterrebbe le ceneri, e l’esibizione dell’anello paterno come prova definitiva. «Sì, proprio l’unico che viene a soffrire dei tuoi mali», dice Oreste di sé stesso un attimo prima, in un verso denso di compassione. «Oreste è qui morto per finzione, e ora per quella finzione sano e salvo», esclama Elettra, convinta dall’anello. Quella «finzione» è la chiave di volta dell’emozione intensa che ancora oggi suscita l’Elettra di Sofocle.

 

Sofocle, Atene 496-406 a.C. Insieme a Eschilo ed Euripide, è il maggiore poeta tragico dell'antica Grecia. Scrisse, secondo la tradizione, 123 tragedie, di cui sette giunte fino a noi.

Condividi questo articolo su...