Avviso

Apuleio, Metamorfosi - Fondazione Valla

collana: Fondazione Valla
editore:  Mondadori
data pubblicazione: 24/09/2019
pagine: CXXX-390
prezzo: € 50,00
ISBN:  9788804711322
a cura di: Luca Graverini, Lara Nicolini
introduzione di:
traduzione di: 
argomento:
formato: rilegato - testo latino a fronte
per l'acquisto scegli tra:
      
 

Apuleio

Metamorfosi - vol. I - Libri I - III

 

La Fondazione Valla pubblica una nuova edizione critica delle Metamorfosi in quattro volumi, con una traduzione spigliata, un commento e un'introduzione di grande impatto. «E in questa conversazione milesia io intreccerò per te storie di ogni genere e incanterò le tue orecchie benevole con un dolce sussurro.» Così, in tono apparentemente leggero, si aprono le Metamorfosi di Apuleio, conosciute anche come L'asino d'oro, il secondo grande romanzo latino dopo il Satyricon di Petronio e prima dell'anonima Storia di Apollonio. Riprendendo un perduto originale greco, Apuleio narra le avventure di Lucio, un giovane animato da insaziabile curiosità che viaggia attraverso la Tessaglia. Trasformato per errore in asino, dovrebbe mangiare delle rose per tornare uomo, ma viene portato via da una banda di ladroni e usato come bestia da soma. Nel covo dei briganti conosce Carite, una giovane rapita a scopo di riscatto; la vecchia governante dei malfattori, per consolarla, le racconta la favola, poi celeberrima, di Amore e Psiche: la quale non è che la più lunga delle tante digressioni, le affascinanti storie che arricchiscono le Metamorfosi e diverranno tesoro della novellistica, dalle avventure narrate dai rapitori alle storie noir dello schiavo fedifrago e della donna assassina, ai divertenti adulteri delle mogli del mugnaio e del tintore. Le peripezie di Lucio, l'una più mirabolante dell'altra, continuano a lungo, sino a sfociare nell'undecimo e ultimo libro, che stupisce per la nuova dimensione filosofico-religiosa, ancor oggi discussa. Lucio prega la Luna di liberarlo dalle sue disgrazie. Comparsa nelle vesti di Iside, la dea gli preannuncia la salvezza: il giorno dopo, durante una processione, un suo sacerdote gli porgerà una corona di rose. Nuovamente essere umano, Lucio si fa adepto della divinità egizia ed è iniziato ai suoi misteri. Ma il suo viaggio e il suo percorso iniziatico non sono ancora finiti. In sogno, Iside gli ordina di recarsi a Roma, dove lo attendono due nuove iniziazioni misteriche e una luminosa carriera di retore. Apuleio, il colto africano maestro della lingua, autore delle sfavillanti orazioni dei Florida, dell'apologia giudiziaria de magia, e delle operette filosofiche de deo Socratis e de Platone et eius dogmate, si rivela così il «Signore delle innumerevoli connessioni» tra tutte le cose.

 

Apuleio, Madaura, Numidia, 125 ca. - Cartagine 180 ca. Originale scrittore latino, profondo conoscitore della lingua e della cultura greche, ha lasciato scritti di retorica (tra cui l'autodifesa in un processo per magia), trattati filosofici e il romanzo Metamorfosi.

 

 

 


 

 

Condividi questo articolo su...