Fondare le biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.

Marguerite Yourcenar

Avviso

Articoli

Bartezzaghi, Dando buca a Godot

collana: Stile Libero extra
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2012
pagine: VIII - 216
prezzo: € 16,00
ISBN: 9788806214012
a cura di:
traduzione di:
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
      
ACQUISTA


 

Stefano Bartezzaghi

Dando buca a Godot

Giochi insonni di personaggi in cerca di autore


«Anche quando non la usiamo per comunicare ma per giocare, la lingua continua a comunicare per conto proprio e a farci dire quello che non potremmo, quello che non intenderemmo».
Stefano Bartezzaghi, Dando buca a Godot. Giochi insonni di personaggi in cerca di aurore

È difficile immaginare di leggere questo libro senza una matita e un taccuino a portata di mano. Perché il gioco linguistico, come la risata, è contagioso. E ciascuno potrà aggiungervi il proprio. Se Il fagiano Jonathan Livingstone (nel gioco sui titoli dei libri «meno ambiziosi») vi pare offensivo, che dire di Un'email di Jacopo Ortis, o del Bulgakov degradato a Il supplente e Margherita? Se invece amate il cinema si può cominciare col Fellini dimezzato di Quattro piú. Su Twitter è anche nata una variante mescolando il titolo di diversi film, come nel capolavoro mai girato Tre metri sopra il cielo sopra Berlino o nell'ambiguo Un borghese piccolo piccolo grande uomo. Se si aggiunge una definizione si può rischiare con «Ti boccia già all'appello: Fotte prima degli esami». E per i piú esperti, si continua con i tautogrammi, i falsi prefissi, i palindromi, gli acrostici, i falsi derivati, le parodie. Il mondo si deforma, perde per un attimo la sua identità, e di fronte a noi se ne spalanca uno parallelo, un po' sghembo, assurdo, sorprendente, che prende forma nel nostro taccuino.

E ora, in ordine sparso, ecco alcuni fotogrammi:

ANCHE PRINCIPI E PRINCIPESSE INCANUTISCONO
...E vissero felici e con tinte.

IL CUOCO HA AVUTO LA PEGGIO NELLA ZUFFA
L'inguine al pesto.

LA CUGINA SPAGNOLA DI SHREK
Garcia l'Orca.

RITIRATA STRATEGICA
La strategia del bagno.

IL MOSCHETTIERE ILLUMINATO
Siddhartagnan.

NON CAPISCI DOVE ESATTAMENTE TI PRUDE?
Gratta, evinci.

 

Stefano Bartezzaghi (Milano, 1962) viene da una famiglia di enigmisti - il padre, Piero, era un famoso cruciverbista - e come autore ha esordito con un rebus nel 1971. Collabora con «la Repubblica» con rubriche di giochi (Lessico e nuvole) e di linguistica (Lapsus). Per Einaudi ha pubblicato Sfiga all'ok Corral (1998), Lezioni di enigmistica (2001), Incontri con la Sfinge (2004), L'Orizzonte verticale (2007 e 2013), La posta in gioco (2007), il racconto Variazioni (nel volume collettivo Questo terribile, intricato mondo, 2008), Scrittori giocatori (2010), Una telefonata con Primo Levi (Fuori collana, 2012), Dando buca a Godot. Giochi insonni di personaggi in cerca di aurore (Stile libero 2012).

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...