Avviso

Articoli

Updike, Il centauro

collana: Letture 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2014
pagine: XIV - 322
prezzo: € 21,00
ISBN: 9788806214777
prefazione di: Luca Briasco
traduzione di: Bruno Oddera
argomento: narrativa straniera
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
      


 

John Updike

Il centauro


George Caldwell è un insegnante che non sopporta più la scuola e i suoi studenti, suo figlio Peter non ha amici, ama Vermeer e soffre di psoriasi. Entrambi sognano di andarsene via dalla cittadina della Pennsylvania in cui vivono. Il sacrificio di uno salverà l'altro, come Chirone con Prometeo? Con Il centauro Updike dimostrò che con la scrittura sapeva fare tutto. Un'onnipotenza virtuosistica che riesce ancora oggi a incantare il lettore. Basta prendere l'incipit del romanzo o la lunga scena della lezione di astronomia per capire come il minimo dettaglio realistico riesca a caricarsi di significati che lo trascendono, ogni infelicità individuale si proietti nel pulsare di una ferita cosmica. Con i suoi piani narrativi cangianti e l'alternanza (o la mescolanza) tra personaggi realistici e mitologici, è il romanzo più ardito di Updike, forse il più affascinante.

C'è un qualcosa che colloca Il centauro al centro della poetica di Updike, e ne fa la chiave di volta per comprendere anche altre sue opere agli antipodi per stile, struttura, concezione narrativa. Come ci ricorda Adam Begley nella sua notevole biografia, durante il discorso di accettazione del National Book Award Updike avrebbe sottolineato come «sia il libro che il suo eroe sono centauri», creature di invenzione nelle quali il terreno e il celeste, l'ordine e il caos, la bontà naturale e l'insopportabile pedanteria, ma anche il mitico e l'ordinario, il reale e il surreale, l'infinitamente piccolo e l'infinitamente grande, coesistono e si alternano sul proscenio. Un'ambivalenza e una coesistenza di opposti che ha senza dubbio nel personaggio di George Caldwell la propria compiuta incarnazione: un uomo buono che, citando ancora le parole di Updike, è al contempo «esilarante e lagnoso: una sorta di chiassoso altruista; una persona che combina il bene e la sua assenza in un modo interessante, e spesso comico». Un centauro, appunto. Dalla prefazione di Luca Briasco


John Updike nasce a Reading nel 1932 ma si trasferisce a Shillington, sempre in Pennsylvania, poco dopo la nascita. A Shillington, dove suo padre insegnava scienze al liceo (come il protagonista del Centauro), vive gli anni dell'infanzia e dell'adolescenza per poi andare a studiare alla Harvard University. Dopo la laurea si trasferisce in Inghilterra per frequentare la Ruskin School of Fine Arts di Oxford. Tornato negli Stati Uniti, nel 1955 entra nella redazione del «New Yorker». Dopo soli due anni lascia la prestigiosa rivista, con la quale comunque continuerà a collaborare per tutta la vita, e si ritira in campagna per dedicarsi esclusivamente alla scrittura. Il suo primo romanzo, Festa all'ospizio (1959), è ben accolto ma il primo importante riconoscimento arriva con Il centauro (1963), che vince il National Book Award sconfiggendo in finale Malamud, Mary McCarthy e il giovanissimo Pynchon. La serie di romanzi che lo rende più famoso è quella con il protagonista soprannominato Coniglio: Corri, Coniglio (1960); Il ritorno di Coniglio (1971); Sei ricco, Coniglio (1981) e Riposa Coniglio (1990). La serie è ora in corso di ripubblicazione da Einaudi Stile Libero. Muore nella sua casa di Danvers, Massachusetts, nel 2009, per un tumore ai polmoni.

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...