Avviso

Pascoli, Poemi conviviali

collana: Classici italiani annotati
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2008
pagine: L - 382
prezzo: € 42,00
ISBN: 9788806189129
a cura di: Giuseppe Nava
argomento: classici
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
      


 

Giovanni Pascoli

Poemi conviviali


«Pascoli, in questi testi stupendi, ha rinnovato il proprio linguaggio, adeguando i ritmi alla lentezza descrittiva dei modelli classici, da cui trae, rinnovandoli, elementi formali stranianti, come le parole composte». Cesare Segre

Dopo i Primi poemetti, che saranno seguiti dai Nuovi poemetti, Pascoli alza il tiro con questi Poemi conviviali (1904): un titolo che allude contemporaneamente ai «carmina convivialia» della poesia arcaica latina, alla vagheggiata origine conviviale della poesia e alla rivista «Convito» dell'amico Adolfo De Bosis, che ospitò appunto alcune di queste composizioni. Docente per molti anni di letteratura latina, autore di antologie di poeti classici in quella lingua (Epos e Lyra), vincitore più volte del certame di Amsterdam per composizioni latine, Pascoli si lancia ora con testi italiani tutti riferiti a personaggi e miti greci, dopo essersi mosso nel mondo romano con i Carmina. Il viaggio verso la grecità è per Pascoli un'inchiesta vichiana, o quasi antropologica, sulle origini, un'interrogazione sulla significanza primigenia del mito. La repressione dei sentimenti, del desiderio e della nostalgia trova, nei personaggi evocati, la parola dagli echi più profondi, anche perché continuamente riferita al pensiero della morte. Pascoli, in questi testi stupendi, ha rinnovato il proprio linguaggio, adeguando i ritmi alla lentezza descrittiva dei modelli classici, da cui trae, rinnovandoli, elementi formali stranianti, come le parole composte.
Giuseppe Nava, massimo pascolista, illustra con rara sapienza ogni particolare dei testi: un trionfo dell'intertestualità, in particolare per la felice combinazione del linguaggio d'epoca, anche pascoliano, delle tradizioni poetiche italiane, e d'immagini e allusioni e forme classiche. È in un'analisi funzionale che si congiunge l'interpretazione letterale precisa con l'acclaramento delle idee guida e dei riferimenti autoanalitici.

 

Giuseppe Nava è nato a Milano nel 1937. Insegna letteratura italiana all'Università di Siena. Ha dedicato gran parte dei suoi studi all'opera di Giovanni Pascoli, curando l'edizione critica di Myricae (Sansoni, Firenze 1974) e il relativo commento (Salerno, Roma 1978 e 1991); e il commento dei Canti di Castelvecchio (Bur, Milano 1983). Ha scritto inoltre parecchi saggi sulla letteratura italiana dell'Ottocento e del Novecento, da Manzoni a De Marchi, da Elsa Morante ad Anna Banti, da Vittorini a Calvino e Fortini. Dirige il Centro studi Franco Fortini dell'Università di Siena e la sua rivista «L'ospite ingrato». Per Einaudi ha curato l'edizione critica dei Poemi conviviali di Giovanni Pascoli («Nuova raccolta di classici italiani annotati», 2008).

dello stesso autore nel catalogo Einaudi 
   

Condividi questo articolo su...