Avviso

L'Italia di Le Corbusier

collana : Electa architettura
editore: Electa
data pubblicazione: 2012
pagine: 448
prezzo: € 55,00
ISBN: 9788837091583
a cura di: Marida Talamona
introduzione:
argomento: architettura
formato: cartonato con sovraccoperta a colori
per l'acquisto scegli tra:
ACQUISTA

 

L'Italia di Le Corbusier


L'Italia ha avuto un ruolo importante nella formazione umana e professionale del più grande architetto del Novecento. Se negli anni dal 1907 al 1921 l'Italia è soprattutto un oggetto di studio per il giovane Jeanneret che compie i suoi viaggi di formazione, a partire dai primi anni Venti iniziano i contatti personali con esponenti della cultura italiana contemporanea, soprattutto in campo artistico e letterario.

Dal 1926 gli architetti razionalisti italiani ricercano Le Corbusier e per tutti gli anni trenta instaurano con lui stretti rapporti, in particolare a Milano, Roma e Venezia. Dopo il conflitto mondiale i rapporti riprendono intensi. Le Corbusier torna più volte in Italia nel secondo dopoguerra: a Bergamo nel 1949 in occasione del VII Ciam, a Milano invitato dalla triennale a partecipare al convegno internazionale De Divina Proportione, a Venezia alla Conferenza internazionale degli artisti e alla scuola estiva dei Ciam, a Torino, ed infine a Firenze dove nel 1963, a Palazzo strozzi, è allestita la prima grande esposizione italiana dedicata all'opera lecorbusiana.

Nei primi anni sessanta, alle occasioni artistiche si aggiungono quelle professionali con gli incarichi dei progetti per la fabbrica Olivetti a Rho e per l'ospedale di Venezia. Il volume è magnificamente illustrato anche grazie al contributo della Fondation Le Corbusier e al suo ricchissimo archivio iconografico.

 

 

Condividi questo articolo su...

al Punto Einaudi Bologna puoi utilizzare

Carta del Docente

Bonus Cultura 18app

Carta del Docente

Bonus cultura-18app


 

     recensioni     

Antony Gormley

Martin Gayford

Plasmare il mondo

intervista di Vincenzo Trione su la Lettura - Corriere della Sera. (leggi)

 

Jonathan Franzen

Crossroads

 

recensione di Giuseppe Culicchia su tuttolibri - La Stampa. (leggi)

recensione di Francesco Musolino su Il Messaggero. (leggi)


Marcello Fois

L’invenzione degli italiani

recensione di Gabriele Pedullà su Domenica - Il Sole 24 Ore. (leggi)

 

Michele Mari

Le maestose rovine di Sferopoli

 

recensione di Daniele Abbiati su il Giornale. (leggi)

  

Viola Ardone, Oliva Denaro

 

 

recensione di Concita De Gregorio su la Repubblica. (leggi)


AbyWarburg

Fra antropolgia e storia dell’arte

 

recensione di Maurizio Ghelardi su Domenica - il Sole 24 Ore. (leggi)