Avviso

Vancura, La fine dei vecchi tempi

collana: Letture Einaudi  
editore: Einaudi
data pubblicazione: 03/12/2019
pagine:   XLIX - 392
prezzo: € 22,00
ISBN: 9788806242992
a cura di:
prefazione di: Giuseppe Dierna
traduzione di:  Giuseppe Dierna
argomento: narrativa straniera
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  
ACQUISTA
 
 

Vladislav Vancura

La fine dei vecchi tempi


Per la prima volta tradotto in italiano uno dei libri piú originali e divertenti del Novecento. In apparenza è un romanzo realistico ambientato nella neonata Repubblica cecoslovacca, alla fine della prima guerra mondiale, e centrato sul contrasto fra la morente aristocrazia e la nuova borghesia rampante e un po’ volgare. Ma sotto tale apparenza, elaborando in chiave modernista i modelli del Tristram Shandy e del Barone di Münchhausen (e le tecniche cinematografiche degli anni Venti e Trenta), Vančura rappresenta l’inestinguibile dissidio tra verità e finzione. Al seguito del bibliotecario Bernard Spera, uno dei piú loquaci e simpatici «narratori inaffidabili» della storia della letteratura, il lettore viene trascinato in un turbine di personaggi e vicende che sono in realtà la parodia del romanzo realistico e l’affermazione della narrazione come infinita macchina desiderante.

Se, a uno sguardo superficiale, La fine dei vecchi tempi sembrava davvero mettere in scena essenzialmente lo stridulo contrasto tra il defunto mondo dell’aristocrazia e il mondo borghese e un po’ volgare della nuova economia dei profitti, una piú attenta lettura dimostra invece che ciò che a Vančura in realtà interessa rappresentare nel romanzo è un piú profondo dissidio tra veridicità e finzione. Alla voluta semplicità della trama, dove si narra degli sforzi di alcuni intrallazzatori per riuscire a mettere le mani sulla tenuta di Kratochvíle o – variante tematica di uno stesso “oggetto di valore” – sulla ventenne figlia di Stoklasa, quasi come se l’autore avesse voluto raccontare in parallelo due volte la stessa storia, una volta dal punto di vista del romanzo degli intrighi politici, un’altra da quello degli intrighi amorosi, a questo esile schema narrativo […] si contrappone infatti – nell’architettura del romanzo – la robusta figura del narratore, autentico motore e fulcro dell’azione. Aleksandr Megalrogov è sí il protagonista del romanzo, ma Bernard Spera ne è il demiurgo. È lui […] che – nell’erratico procedere del discorso, nella sua continua messa a nudo dei procedimenti – ne modella il “senso”, raccontando col necessario distacco del servo e dell’escluso.

 

Vladislav Vancura nasce nel 1891 nell'Impero austro-ungarico, in Slesia, territorio che confluirà nella Cecoslovacchia. Si laurea in medicina a Praga nel 1921 e apre un ambulatorio con la moglie. Nel 1920 è nel gruppo d'avanguardia Devětsil e alla giocosità del loro Poetismo sono improntati le prose della Corrente del Rio delle Amazzoni (1923) e il romanzo Un'estate capricciosa (1926), che lo consacra al successo. Grande popolarità avevano riscosso il suo primo romanzo Il fornaio Jan Marhoul (1924) e l'apocalittico Campi arati e campi di guerra. Dopo ulteriori volumi di racconti e romanzi (tra questi Il giudizio universale e Markéta Lazarová), nel 1934 pubblica La fine dei vecchi tempi, altro bestseller, reputato dai critici il suo capolavoro). Scrive anche per il teatro e gira cinque film come regista. Tra i suoi libri successivi: I tre fiumi, La famiglia Horvath e l'incompiuto Quadri di storia della nazione boema. Nel 1939, dopo l'occupazione nazista della Cecoslovacchia, entra nel Comitato rivoluzionario degli intellettuali. Il 12 maggio del '42 è arrestato dalla Gestapo e torturato. Dopo l'attentato a Reinhard Heydrich, il 1° giugno viene fucilato per rappresaglia insieme ad alcune migliaia di antinazisti. Markéta Lazarová, col titolo Il cavalier bandito e la sposa del cielo, è pubblicato in Italia da Adelphi.

recensioni


dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...