Avviso

Storia del cinema mondiale

Storia del cinema mondiale

A cura di Gian Piero Brunetta

 

 

I. L' Europa, Miti, luoghi, divi

II*. Gli Stati Uniti

II**. Gli Stati Uniti

III. L' Europa. Le cinematografie nazionali

IV. Americhe, Asia, Oceania. Le cinematografie nazionali

V. Teorie, strumenti

 

Grandi Opere Einaudi

OPERA COMPLETA 5 VOLL. - 7 tomi  € 647,47


per l' acquisto scegli tra


Tra i tanto possibili " luoghi della memoria", è sul grande scherno che l' uomo del Novecento ha lasciato le tracce indelebili della propria storia, del proprio lavoro, delle passioni, dei ricordi, dei desideri e delle speranze.


Piano dell' opera

collana: Grandi Opere Einaudi 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 1999
pagine: XLIV - 1253
prezzo: € 110,00
ISBN: 9788806143466
a cura di: Gian Piero Brunetta
traduzione di: 
argomento:
formato: rilegato con astuccio con 54 illustrazioni fuori testo molte delle quali a colori
per l'acquisto scegli tra:



 

I. L' Europa, Miti, luoghi, divi


In questi ultimi anni si sono acquisiti molti dati importanti, grazie al moltiplicarsi delle ricerche e alla disponibilità di fonti inedite dovuta alle nuove tecniche di restauro e all'apertura di archivi sempre piú completi. Film che si credevano scomparsi o non piú leggibili sono stati fatti rivivere con passione e competenza, e sono cosí tornati a far parte della memoria collettiva. È cresciuto l'interesse per lo studio e la catalogazione delle cinematografie nazionali, che sono state censite in modo sistematico a partire dagli anni ottanta, e raccolte in cineteche sempre piú attrezzate e fruibili: un patrimonio straordinario, affermatosi ormai a pieno titolo come strumento insostituibile per la definizione dell'identità culturale dei popoli. Altri fenomeni quali il ricambio generazionale tra gli studiosi, l'attenzione verso luoghi e forme di espressione prima trascurati, l'irrompere delle nuove tecniche di riproduzione, stanno trasformando l'idea stessa di «storia del cinema». Il progetto della Storia del cinema mondiale riflette questo stato di cose. La scommessa affrontata dal curatore è stata quella di riunire, sotto alcune ipotesi metodologiche comuni, un vasto gruppo di studiosi e personalità differenti, capaci di offrire contributi rigorosi, documentati e quanto piú innovativi dal punto di vista tematico e interpretativo. Alla storia interna, imprescindibile, delle singole personalità artistiche, dei movimenti e delle poetiche si affiancano temi inediti, o visti secondo ottiche nuove ed impreviste. Grande attenzione è posta da un lato alle tecniche, ai luoghi, ai fenomeni di massa come il divismo e agli aspetti sociali ed economico-produttivi; dall'altro alle sedimentazioni culturali, alle influenze delle altri arti, alle persistenze nelle tecniche narrative, alla definizione di un immaginario comune. Il risultato è una grande opera di consultazione e studio: pensata per soddisfare le esigenze di un pubblico assai vasto, dallo specialista al semplice appassionato, dal cinefilo incallito allo spettatore occasionale, è al tempo stesso una miniera di informazioni sugli argomenti piú disparati e una messe di idee critiche, di riletture, di spunti per ricerche in nuove direzioni.

Questo primo volume contiene una serie di saggi trasversali che fanno emergere gli elementi comuni della tradizione cinematografica europea, dal punto di vista produttivo, come da quello tematico, storico e culturale.

Indice
Introduzione di Gian Piero Brunetta.
Identità e radici culturalidi Gian Piero Brunetta. Caratteri del cinema europeo di Pierre Sorlin. I padri fondatori: Lumière e Méliès di Antonio Costa. L'epopea del cinema ambulante di Aldo Bernardini. La città europea nel primo cinema di Marco Bertozzi. Alla ricerca delle tracce dell'Art nouveau e del Simbolismo nel cinema dei primi decenni di Eric De Kuyper. Nascita dell'autore cinematografico di Guglielmo Pescatore. Nascita del divismo di Vittorio Martinelli. Cinema e prima guerra mondiale di Gian Piero Brunetta.La diffusione del film a episodi in Europa di Monica Dall'Asta. Cinema e avanguardie storiche di Antonio Costa. I russi in Europa. Il cinema della prima emigrazione di Natal´ija Nusinova. Sopravvivenza delle tradizioni narrative e culturali medievali nelle cinematografie europee di François de La Bretèque. Il passaggio dal muto al sonoro in Europa di Alberto Boschi. ...e l'Italia sogna. Architettura e design nel cinema déco del fascismo di Pier Marco De Santi. Cosmopolitismo ed esotismo nel cinema europeo fra le due guerre di Alberto Farassino. Le piccole patrie del cinema europeo di Françoise de La Bretèque. Divismo, misticismo e spettacolo della politica di Gian Piero Brunetta. L'animazione europea, ieri e oggi di Giannalberto Bendazzi. Heavy traffic.La Mitteleuropa va in America di Thomas P. Elsaesser. L'Europa nel cinema italiano degli anni trenta di Valentina Ruffin. La guerra civile spagnola sullo schermo (1936-39) di Román Gubern. Il divismo negli anni trenta. Il dominio della forma di Lorenzo Pellizzari. Guerra e resistenza di Pierre Sorlin. L'utopia dell'unione cinematografica europeadi Barbara Corsi. La cinematografia europea al tempo della ricostruzione di Pierre Sorlin. Il divismo nel cinema europeo, 1945-60 di Stephen Gundle. I grandi successi di pubblico nel dopoguerra di Roberto Campari. Hollywood e la modernizzazione dell'Europa di David W. Ellwood. Il nuovo mercato del cinema di Christopher Wagstaff. Le nouvelles vagues di Adriano Aprà. Il west in Europa, l'Europa nel west di Lorenzo Codelli. Naturalmente cinefili. Il '68 del cinema di Peppino Ortoleva. Il divismo europeo dagli anni sessanta di Stefano Masi. Cinema e televisione di Peppino Ortoleva. Le collaborazioni internazionali nel cinema europeo di Aldo Bernardini. Il mercato del cinema europeo dagli anni sessanta a oggi di Barbara Corsi. Bibliografia. Cronologia. Indice dei film. Indice dei nomi.


 

collana: Grandi Opere Einaudi   
editore: Einaudi
data pubblicazione: 1999
pagine: XXVI - 1015
prezzo: € 110,00
ISBN: 9788806145293
a cura di: Gian Piero Brunetta
traduzione di: 
argomento:
formato: rilegato con astuccio con 53 illustrazioni fuori testo alcune delle quali a colori

per l'acquisto scegli tra:

 

II*. Gli Stati Uniti 

 

Dopo L'Europa. Miti, luoghi, divi i saggi qui riuniti approfondiscono i vari aspetti ed elementi del cinema piú noto, amato e discusso, quello statunitense.

Anche in questo volume, la sfida rimane la stessa: fornire ai lettori, che siano specialisti del settore o semplici appassionati, sia informazioni sui vari argomenti, sia nuove idee, nuovi spunti, nuove interpretazioni. I contributi sono stati scritti da studiosi diversi per formazione e generazione: alle voci degli esperti piú autorevoli si intrecciano quelle dei ricercatori piú giovani. L'omogeneità è data da diversi fattori: l'originalità e la capacità innovativa dei vari saggi; la considerazione del cinema come un fenomeno connesso alla storia, all'ideologia e alla mentalità collettive; la capacità di servirsi dei nuovi strumenti, analitici e tecnici, che il progresso offre anche a questo campo di studi; una scrittura scorrevole e appassionante. Su questi presupposti si fonda l'intero volume, che dunque indaga l'universo cinematografico statunitense nelle sue molteplici sfaccettature: ai saggi dedicati ai protagonisti (da Griffith ai comici degli anni venti, ai grandi registi hollywoodiani) si affiancano quelli che analizzano l'influenza di altre culture sul cinema americano (quella irlandese, quella italiana); e se non mancano le indagini sui diversi generi filmici, dal musical al western al gangster e alla commedia sofisticata, ci sono anche studi attenti ai rapporti fra cinema e politica, cinema e società -e si arriva cosí alla guerra fredda, al divismo, al rapporto con la televisione. Il volume si chiude con una bibliografia, una cronologia e gli indici.

Indice
Introduzione di Gian Piero Brunetta.
Tom Gunning, Da Edison a Griffith. Douglas Gomery, Early Hollywood. La nascita delle strutture produttive. Jean Mottet, Per una genealogia del paesaggio americano William Uricchio, La formazione del pubblico. L'audience al tempo dei nichel? Eileen Bowser, I comici da Sennett a Langdon Giorgio Bertellini, Epica spettacolare e splendore del vero. L'influenza del cinema storico italiano in America (1908-15) Gian Piero Brunetta, Over there: la guerra lontana. Monica Dall'Asta, I serials. Lee Grieveson, Nascita del divismo. Rick Altman, Il rumore, la musica, il silenzio. Richard Koszarski, Il cinema degli anni venti. David Robinson, Grandi comici americani. Alberto Boschi, Dal muto al sonoro. Giuliana Muscio, L'era di Will Hays. La censura nel cinema americano Leonardo Gandini, Il cinema cantore della metropoli. Carlo Gaberscek, Geografia del Western da Broncho Billy a Clint Eastwood. Giuliana Muscio, Cinema: produzione e modelli sociali e culturali negli anni trenta Roberto Campari, I miti del cinema americano. Franco La Polla, Epica e mito negli anni trenta. Leonardo Gandini, Il nome sopra il titolo. Stephen Gundle, Il divismo. Rick Altman, Hollywood e i generi. Guido Fink, La commedia sofisticata. Guido Fink, L'umorismo ebraico. Kim Newman, L'orrore sullo schermo. Franco La Polla, La fantascienza. Gianalberto Bendazzi, L'animazione. Franco Minganti, Black cinema. Rick Altman, Il musical. Franco Minganti, L'influenza di jazz, musica popolare e radio. Saverio Giovacchini, Gli emigrati a Hollywood. Natal´ija Nusinova, I russi in america. Il cinema della prima generazione. Kevin Rockett, Gli emigrati irlandesi. Peter Bondanella, Gli italoamericani e il cinema. Giuliana Muscio, Hollywood va in guerra. Douglas Gomery, La nuova Hollywood. Le strutture produttive si rinnovano. Robert Sklar, Il cinema del dopoguerra, 1950-60. James Naremore, Il divismo nel dopoguerra. James Naremore, Il film noir. Renato Venturelli, Il cinema gangster. Richard Koszarski, La produzione a New York. Tino Balio, Influenze del cinema europeo. Richard Maltby, Cinema e cultura popolare. Giuliana Muscio, Cinema e guerra fredda (1946-56) Jean L. Bourget, Crisi, trasformazione e rinascita dei generi P.Adams Sitney, Cinema e avanguardia. James Hay, Il cinema e la televisione. Art Simon, La struttura narrativa del cinema americano, 1960-80. Robert Sklar, Il cinema degli ultimi vent'anni. Alessandro Camon, Cinema e produzione di oggi. Bibliografia. Cronologia. Indice dei film.

 

collana: Grandi Opere Einaudi  
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2000
pagine: XVIII - 1029
prezzo: € 77,47
ISBN: 9788806145316
a cura di: Gian Piero Brunetta
traduzione di: 
argomento:
formato: rilegato con astuccio con 52 illustrazioni fuori testo molte delle quali a colori

per l'acquisto scegli tra:

 

II**. Gli Stati Uniti


Con questo tomo, si chiude il volume che la Storia del cinema mondiale ha dedicato alla cinematografia americana, di cui i saggi qui raccolti proseguono l'analisi: i grandi artisti di Hollywood, gli scambi fra cultura americana ed europea, l'estetica dei generi cinematografici, i rapporti fra cinema, politica e società, le ripercussioni della guerra fredda sulle politiche produttive, il divismo, la concorrenza della televisione sono solo alcuni dei temi affrontati nei contributi firmati, come sempre, dai piú celebri esperti del settore e dai migliori ricercatori dell'ultima generazione. Monografie e saggi che si distinguono per precisione e originalità; per le connessioni fra cinema, storia, ideologia e mentalità collettiva; per le nuove strumentazioni analitiche e tecniche; per la scrittura scorrevole e curata. Ne risulta un'opera che fornisce informazioni, nuove idee, nuovi spunti e interpretazioni. Il tomo si chiude con una bibliografia, una cronologia e gli indici dei due tomi.

Indice
Guido Fink, La commedia sofisticata. Giuliana Muscio, Hollywood va in guerra. Robert Sklar, Il cinema americano, 1945-60. Douglas Gomery, La nuova Hollywood. Le strutture produttive si rinnovano. James Naremore, Lo Star System dopo la seconda guerra mondiale. Renato Venturelli, Gangster e detective. Il cinema criminale. James Naremore, Il Noir. Guido Fink, Forse una foto, forse un samovar: gli ebrei e il cinema americano. Mariann Lewinsky, Il cinema yiddish. Franco Minganti, Tre o quattro sfumature di nero. Il cinema afroamericano. Richard Koszarski, New York, New York: il centro di produzione della Costa orientale. Tino Balio, Diffusione e mercato del cinema europeo dal 1948 a oggi. Richard Maltby, Cinema, politica e cultura popolare a Hollywood nel dopoguerra (1945-60). Franco Minganti, L'influenza di radio, popular music e jazz. Giuliana Muscio, Cinema e guerra fredda (1946-56). Franco La Polla, La fantascienza Usa ]ean-Loup Bourget, I generi hollywoodiani morte e trasfigurazione. P. Adams Sitney, Il cinema d'avanguardia. ]ames Hay, Cinema e televisione. Tino Balio, La produzione internazionale di Hollywood. Art Simon, La struttura narrativa del cinema americano (1960-80). Robert Sklar, Il cinema degli ultimi vent'anni. Christopher Wagstaff, Il quadro economico interno ed estero dal dopoguerra a oggi. Alessandro Camon, Cinema e produzione recentissimi. Bibliografia. Cronologia. Indice dei film. Indice dei nomi.



collana: Grandi Opere Einaudi    
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2000
pagine: XXVI - 1725
prezzo: € 140,00
ISBN: 9788806145286
a cura di: Gian Piero Brunetta
traduzione di: 
argomento:
formato: 2 tomi rilegato con astuccio con 98 illustrazioni fuori testo molte delle quali a colori

per l'acquisto scegli tra:


 

III. L' Europa. Le cinematografie nazionali


E' il secondo tomo del Cinema europeo, dedicato alle cinematografie nazionali. Se nel primo venivano attrontati i passaggi storici e culturali, le fasi stilistiche e i processi industriali, questo nuovo volume porge al lettore un quadro ampio e articolato degli sviluppi, dei caratteri e delle identità delle singole cinematografie nazionali. Un'opera che ha l'ambizione di offrire il piú ampio e inedito affresco d'insieme su una storia fatta di molte storie.

Coerentemente con lo stile generale dell'opera in ogni saggio si è cercato di trovare una linea mediana fra la storia come racconto e la storia come problema. li lettore, grazie a uno stile narrativo condiviso dalla maggior parte dei collaboratori, potrà passare da uno sguardo ravvicinato a uno d'insieme. Pur nella consapevolezza che, per un lavoro davvero completo, bisognerà affiancare a questi volumi dei dizionari dedicati agli autori e alle opere, i due tomi sul cinema europeo consentono comunque un'approfondita valutazione, unica per sistematicità e ampiezza, delle fasi notevoli di ciascuna cinematografia,tenendo conto delle influenze e interazioni reciproche. Anche stavolta Gian Piero Brunetta ha chiamato a collaborare autori di riconosciuto valore internazionale, come Roman Gubern, Thomas Elsaesser, Yuri Tsivian, Natal´ja Nusinova, Paolo Cherchi Usai, David Robinson, Vincent Pinel, Richard Abel, Dudley Andrew, Antoine De Baecque, Peter von Bagh; direttori di cineteche, come Natasha Lako o João Bénard da Costa; e giovani storici di sicuro valore come Michail Trofimenkov, Francesco Pitassio, Francesco Bono, Markus Vorauer, Luis Fernández Colorado, nonché alcuni autori delle monografie piú importanti sulle singole cinematografie nazionali, come Jean- Pierre Jeancolas, Kevin Rockett.

Indice
Introduzione di Gian Piero Brunetta. Inizi del cinema francese, 1895-1918 di Vincent Pinel. Cinema muto italiano di Gian Piero Brunetta. Cinema muto tedesco, 1895-1919 di Thomas Elsaesser. Cinema tedesco espressionista di Leonardo Quaresima. Bambini nella nursery. Il cinema muto inglese di Luke Mckernan. Cinema muto nei paesi nordici di Paolo Cherchi Usai. Ombre viennesi. Cinema muto austriaco di Francesco Bono. Cinema russo prerivoluzionario, 1908-19 di Yuri Tsivian. Cinema muto sovietico di Yuri Tsivian. Cinema muto spagnolo di Román Gubern. Il grande cinema sovietico, 1925-28 di Natal´ja Nusinova. Il CInema francese verso un mutamento paradigmatico, 1915-29 di Richard Abel. Il suono e la furia. Cinema spagnolo, 1929-39 di Luis Fernández Colorado. Il cinema italiano dal sonoro a Salò di Gian Piero Brunetta. Il cinema sovietico del totalitarismo: gli anni trenta di Natal´ja Nusinova. Il cinema degli anni trenta in Finlandia, Norvegia e Svezia di Peter von Bagh. Il Cinema nazista di Stephen Lowry. Cinema francese degli anni trenta di Dudley Andrew. Cinema francese sotto l'occupazione. Rottura e rinascita, 1940-45 di Jean - Pierre Bertin - Maghit. Cinema inglese degli anni trenta di David Robinson. Profilo del cinema austriaco, 1929-45 di Francesco Bono. Il cinema spagnolo sotto il franchismo, 1939-75 di Vicente Sánchez. Il cinema italiano dal neorealismo alla «Dolce vita» di Gian Piero Brunetta. Cinema francese, 1945-58 di Jean-Pierre Jeancolas. Cinema tedesco (occidentale), 1945-60 di Imbert Schenk. Cinema sovietico dal realismo al disgelo,1945-60 di Oksana Bukgacowa. Cinema inglese del dopoguerra di Stefano Della Casa. Il cinema degli anni quaranta e cinquanta in Finlandia, Norvegia e Svezia di Peter von Bagh. Il cinema popolare italiano del dopoguerra di Stefano Della Casa. Cinema inglese, 1960-2000 di Emanuela Martini. Cinema jugoslavo di Sergio Grmek Germani. «Noi non ridiamo!» Il Cinema austriaco, 1945-99 di Markus Vorauer. Il cinema in Finlandia, Norvegia e Svezia, 1960-75 di Peter von Bagh. Cinema danese sonoro di Caspar Tybierg. Il cinema italiano dal boom agli anni di piombo di Gian Piero Brunetta. La Nouvelle Vague di Antoine de Becque. Oltre l'Eden. Il cinema francese dopo gli anni sessanta di Sergio Toffetti. Da Oberhausen a Berlino. La lunga marcia del cinema tedesco di Giovanni Spagnoletti. Immagini da un paese scomparso. Film in Ddr di Wolfgang Gersch. Il cinema italiano da Moretti a oggi di Paolo D'Agostini. Cinema spagnolo postfranchista di Vicente José Benet. Cinema russo, 1956-2000 di Michail Trofimenkov. Cinema albanese di Natasha Lako. Cinema belga di Philippe Dubois. Cinema bulgaro di Yanko Terziev. Cinema ceco e slovacco di Francesco Pitassio. Cinema greco di Ninos Feneck Mikelides. Cinema irlandese di Kevin Rockett. Cinema dei Paesi Bassidi Ansje van Beusekom. Cinema polacco di Malgorzata Hendrykowska e Marek Hendrykovski. Cinema portoghese di João Bernard da Costa. Cinema rumeno di Dominique Nasta. Cinema svizzero di Rémy Pithon. Cinema ungherese di Emile Breton. Indice dei film Indice dei nomi


collana: Grandi Opere Einaudi 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2001
pagine: XXVII - 1443
prezzo: € 110,00
ISBN: 9788806145309
a cura di: Gian Piero Brunetta
traduzione di: 
argomento:
formato: rilegato con astuccio con 46 illustrazioni fuori testo molte delle quali a colori

per l'acquisto scegli tra:

 

IV. Americhe, Asia, Oceania. Le cinematografie nazionali


Con il IV volume si conclude la prima parte del viaggio nella geografia e storia del cinema mondiale. E insieme il tentativo di giungere a una mappatura - provvisoria e incompleta - di fenomeni cinematografici comuni e di motivi, opere e personalità caratterizzanti le identità nazionali nei cinque continenti.

«La Cina è vicina»: mai come in questo momento il titolo del secondo film di Marco Bellocchio può essere usato per riconoscere la facilità d'accesso all'enorme territorio cinematografico che si apre oltre i confini dell'Europa e degli Stati Uniti. In effetti il nuovo millennio si dischiude su uno scenario cinematografico che vede la Cina ben a fuoco e ben dentro il raggio dello sguardo del comune spettatore europeo o statunitense. E non solo la Cina: anche Hong Kong, l'Iran, l'Australia, Taiwan, la Turchia, l'India, la Nuova Zelanda, il Canada, il Brasile e la Corea sono piti vicini e familiari grazie al cinema degli ultimi anni. La luce che proviene dai film di questi e altri paesi - spesso tuttora devastati da guerre civili e profonde spaccature politiche e religiose - ha contribuito a modificare il firmamento divistico e autoriale del cinema contemporaneo e a ridi segnare il nostro immaginario cinematografico.

Indice
Introduzione di Gian Piero Brunetta.
Pierre Véronneau, Cinema canadese. Aurelio De los Reyes, Cinema muto messicano. Eduardo De la Vega Alfaro, Cinema messicano: dagli inizi del sonoro ai giorni nostri. Paulo Antonio Paranaguá, America latina: appunti su una storia frammentaria. Leonardo Bonollo, Il cuore di tenebra dell'Africa: dalla fotografia al cinema. Guido Convents, Cinema coloniale. Alberto Elena, Cinema dell'Africa subsahariana. Giuseppe Gariazzo, Egitto, Maghreb e Medio Oriente: il cinema dei paesi arabi. Sergio Toffetti, Hic sunt leones. Il cinema dell'Africa nera. Giuseppe Gariazzo, Cinema del Sudafrica. Jean Radvany, Cinema georgiano. Giovanni Scognamiglio, Cinema turco. Amy Kronish, Cinema israeliano: l'evoluzione d'una cinematografia nazionale. Zaven Qokassian, Breve storia del cinema iraniano. Umberto Rossi, Il cinema iraniano degli anni ottanta e novanta. Jean Radvany, Cinema delle ex Repubbliche sovietiche nell'Asia centrale. Uma Da Cunha, Cinema indiano. Gli anni del muto, 1896-1930. Alberto Elena, Cinema indiano. Il periodo del sonoro. Adriano Aprà, Cinema sudcoreano. Zhiwei Xiao, Cinema cinese. Il periodo del muto 1896-1936. Marie-Claire Quiquemelle, Cinema cinese: dalla prima legge di censura alla fine dell'era maoista, 1928-78. Bérénice Reynaud, Cinema cinese, 1978-2001. Alberto Pezzotta, Cinema di Hong Kong. Bérénice Reynaud, Cinema di Taiwan: dall'occupazione giapponese a oggi. Marselli Sumarno, Cinema indonesiano: tra i precetti del potere e la libertà di espressione. Giuseppe Gariazzo, Il cinema del Sud-est asiatico. Yomoto Inuhiko, St oria del cinema giapponese. Giannalberto Bendazzi, I continenti del cinema d'animazione. Tom O'Regan, Profilo storico e nuove tendenze del cinema australiano. Brian McDonnell, Cinema della Nuova Zelanda.
Cronologia. Indice dei film. Indice dei nomi.


collana: Grandi Opere Einaudi   
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2001
pagine: XXX - 1240
prezzo: € 100,00
ISBN: 9788806153885
a cura di: Gian Piero Brunetta
traduzione di: 
argomento:
formato: rilegato con astuccio con 50 illustrazioni fuori testo molte delle quali a colori

per l'acquisto scegli tra:

 

V. Teorie, strumenti


Dopo il viaggio di circumnavigazione lungo la storia e geografia cinematografica dei vari continenti, con il presente volume si è voluto procedere a una diversa mappatura e a qualche esplorazione in profondità del territorio e dei fenomeni e figure che accompagnano e modificano la vita dei film e ne garantiscono la conservazione e trasmissione della memoria. Lo scopo, da una parte, è di offrire uno strumento didattico aggiornato e per alcune voci originale, dall'altra di aggiungere al bagaglio di conoscenze legate ai testi e ai contesti una serie di elementi che consentano di includere altre storie, che compongono il sottotesto e il peritesto. Storie relative all'evoluzione della tecnica e del linguaggio, delle forme della visione e del ruolo della riflessione teorica e critica, o del peso specifico dei diversi soggetti che partecipano alla realizzazione del prodotto filmico. Fin dall'inizio si sapeva che la descrizione storico-geografica, inevitabilmente, avrebbe lasciato al di fuori del raggio dello sguardo molte «terre incognite», zone esplorate finora settorialmente, «giacimenti aurei» di fatto mai giunti alla luce di uno sguardo sovranazionale, «attori e soggetti creativi» mai inclusi nelle storie del cinema del passato.
Si è partiti da alcuni macroinsiemi e da un'ipotesi preliminare di dilatazione delle coordinate temporali che consentisse di spingersi, in senso antiorario, ben al di là della data delle invenzione del Cinematographe Lumière. Chi scrive ha dedicato una parte non marginale del suo studio e delle sue ricerche degli ultimi due decenni al tentativo di collegare la storia del cinema a una piu vasta storia della visione grazie a cui si sono create le condizioni necessarie alla nascita della civiltà dell'Homo cinematographicus. Nel pieno rispetto dell'identità e dell'autonomia della storia del cinema ho creduto di riconoscere sempre di piú nell'invenzione dei fratelli Lumière -ponendomi soprattutto dalla parte dello spettatore - il punto d'arrivo di un lungo processo di confluenza e interazione di fenomeni legati allo spettacolo popolare, ai meccanismi della visione e ai tentativi di animare le immagini.

Indice
Introduzione di Gian Piero Brunetta. La visione. Sapere scientifico e pratiche spettacolari prima dei Lumière, di Carlo Alberto Zotti Minici. Dalla fotografia al cinema, di Giovanni Fiorentino. Il cammino della tecnica, di Carlo Montanaro. Imaz®, l'eccezione canadese, di Pierre Véronneau. La storia. Storia e storiografia del cinema, di Gian Piero Brunetta. Il ritorno del pendolo, ovvero storia di un ritorno in forza... della Storia, di André Gaudreault. La filmografia, di Aldo Bernardini. Il cinema come fonte di storia, di Michèle Lagny. Metodologia della ricerca storiografica sul cinema in ambito locale, di Paolo Caneppele. Il cinema amatoriale, di Roger Odin. Teoria e critica. Le origini della teoria del cinema, di Alberto Boschi. Le teorie del montaggio in Unione Sovietica. Da Kulesov al «realismo socialista», di François Albera. C'era una volta la cinefilia, di Jean A. Gili. Teorie del cinema dalle origini agli anni trenta: la prospettiva estetica, di Antonio Costa. La critica cinematografica in Italia, 1929-59, di Lorenzo Pellizzari. I cattolici e il cinema, di Guido Convents. Teorie del cinema. Dal dopoguerra agli anni sessanta, di Francesco Casetti. Cultural studies: una visione d'insieme, di William Uricchio. I mestieri. La fotografia, di Stefano Masi. La scenografia, di Jean-Pierre Berthomé. La sceneggiatura, di Giuliana Muscio. Il montaggio cinematografico, di Roberto Perpignani. Per una storia degli effetti speciali come specifico cinematografico. Oltre il principio di riprovisione, di Marcello Walter Bruno. Il colore: dall'eccezione alla regola, di John Belton. La colonna sonora. La parola e il silenzio. Teoria e problemi generali di storia della tecnica, di Rick Altman. La parola e la lingua, di Sergio Raffaelli. La musica nel cinema, di Gianni Rondolino. Filologia e restauro. La cineteca di Babele, di Paolo Cherchi Usai. Per una teoria del restauro cinematografico, di Michele Canosa. Il restauro: metodo e tecnica, di Nicola Mazzanti e Gian Luca Farinelli. Indice dei film. Indice dei nomi.

Condividi questo articolo su...