Coetzee - Kurtz, La buona storia


collana: Piccola Biblioteca Einaudi Ns
editore: Einaudi
data pubblicazione: 28/03/2017
pagine: 144
prezzo: € 19,00
ISBN: 9788806230128
a cura di: 

traduzione di: Maria Baiocchi

traduzione di: Paola Splendore

argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 

J. M. Coetzee

Arabella Kurtz

La buona storia

Conversazioni su verità, finzione e psicoterapia


«È difficile, forse impossibile fare un romanzo che sia un romanzo sulla vita di qualcuno che dall'inizio alla fine possa vivere tranquillamente sostenuto da finzioni. Il romanzo si può fare solo smascherando quelle finzioni. Il genere romanzo sembra avere un interesse intrinseco nell'affermazione che le cose non sono come sembrano, che le nostre vite apparenti non sono le nostre vite reali. E la psicoanalisi, direi, ha un interesse analogo» . J. M. Coetzee

Un grande scrittore e una psicoterapeuta si confrontano sulla necessità dell'uomo di raccontarsi e di inventare delle storie. J. M. Coetzee e Arabella Kurtz prendono in considerazione la pratica psicoterapeutica, e il suo piú ampio contesto sociale, partendo da prospettive diverse, ma al centro di entrambi i loro approcci vi è il comune interesse per la verità e per le storie. Uno scrittore lavora in solitudine, ed è l'unico responsabile della storia che racconta. Il terapeuta, viceversa, collabora con i pazienti per far emergere un racconto della vita e dell'identità del paziente che sia allo stesso tempo significativo e vero. Che tipo di verità le storie create dal paziente e dal terapeuta cercano di scoprire? La verità oggettiva o quella mutevole e soggettiva dei ricordi esplorati e rivissuti durante la relazione terapeutica?
Confrontandosi con le opere di grandi scrittori come Cervantes e Dostoevskij o di psicoanalisti quali Freud e Melanie Klein, e discutendo di psicologia individuale o dei gruppi (le classi scolastiche, le bande giovanili, le società coloniali), Coetzee e Kurtz propongono al lettore illuminanti intuizioni sulla nostra capacità – e difficoltà – di analizzarci e di raccontare, a noi stessi e agli altri, le storie della nostra vita.

 

J. M. Coetzee è nato in Sudafrica e attualmente vive in Australia. Di lui Einaudi ha pubblicato: Vergogna, Aspettando i barbari, La vita e il tempo di Michael K, Infanzia, Gioventú, Terre al crepuscolo, Nel cuore del paese, Foe, Il Maestro di Pietroburgo, Età di ferro, Slow Man, Spiagge straniere, Diario di un anno difficile, Lavori di scavo. Saggi sulla letteratura 2000-2005, Tempo d'estate, Doppiare il capo, L'infanzia di Gesù, Qui e ora, il carteggio con Paul Auster, e Scene di vita di provincia. Sempre per Einaudi ha pubblicato, con Arabella Kurtz, La buona storia. Nel 2003 è stato insignito del Premio Nobel per la Letteratura.

Arabella Kurtz è Senior Clinical Tutor nel corso di psicologia clinica dell'University of Leicester. Per Einaudi ha pubblicato, con J. M. Coetzee, La buona storia (2017).

 

Recensioni



dello stesso autore nel catalogo Einaudi 
 

Condividi questo articolo su...