a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


...se non ci fossero i libri, noi saremmo tutti rozzi e ignoranti, senza alcun ricordo del passato, senza alcun esempio; la stessa urna che accoglie i corpi cancellerebbe anche la memoria degli uomini.

Cardinale Bessarione

Avviso

Deleuze, L'immagine-movimento


collana: Piccola Biblioteca Einaudi Ns
editore: Einaudi
data pubblicazione: 31/05/2016
pagine: 288
prezzo: € 26,00
ISBN: 9788806229634
a cura di:
traduzione di: Jean-Paul Manganaro
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 

Gilles Deleuze

L'immagine-movimento

Cinema 1


Il cinema secondo Deleuze.

Nuova edizione italiana

 

Indice
Premessa. I. Tesi sul movimento. Primo commento di Bergson. II. Quadro e piano, inquadratura e découpage. III. Montaggio. IV. L'immagine-movimento e le sue tre varietà. Secondo commento di Bergson. V. L'immagine-percezione. VI. L'immagine-affezione: volto e primo piano. VII. L'immagine-affezione: qualità, potenze, spazi qualsiasi. VIII. Dall'affetto all'azione: l'immagine-pulsione. IX. L'immagine-azione: la grande forma. X. L'immagine-azione: la piccola forma. XI. Le figure o la trasformazione delle forme. XII. La crisi dell'immagine-azione. - Glossario. - Indice dei nomi e dei film.

A piú di trent'anni dalla sua uscita, e insieme al secondo volume L'immagine- tempo, L'immagine-movimento costituisce uno dei libri piú importanti in assoluto della saggistica cinematografica. Al tempo stesso saggio di filosofia, estetica e storia del cinema, il libro di Gilles Deleuze, ispirato alle teorie di C. S. Peirce come al pensiero di H. Bergson, si propone di stabilire una tassonomia dell'immenso universo delle immagini in movimento di cui è costituito un secolo di produzione cinematografica. Le immagini vengono dissezionate nelle loro componenti costitutive e classificate secondo alcune tipologie fondamentali, dall'intreccio delle quali derivano età e dominanze estetiche della storia del cinema. Da tale prospettiva, il filosofo francese dissolve le tradizionali classificazioni, proponendo al lettore inedite esplorazioni di una geografia delle immagini al tempo stesso teorica e percettiva, cosí come illuminanti rivisitazioni critiche di tutte le massime espressioni artistiche del cinema, dall'età del muto a Griffith, dalle comiche ai grandi generi cinematografici americani, da Ejzenstejn a Vertov, da Renoir a Ford e Hawks, dai maestri giapponesi a Hitchcock e Godard, da Scorsese ad Altman. Una cartografia che si ribella dunque a ogni convenzionalità storiografica ed estetica, elevando protagonisti, linguaggio e tecniche dell'arte cinematografica ad altrettante forme di pensiero. Prima edizione italiana, Ubulibri 1985.

 

Gilles Deleuze (1925 - 1995) è uno dei protagonisti piú originali e controversi del pensiero contemporaneo. L'impatto filosofico-politico che le sue opere hanno avuto sul dibattito degli ultimi decenni è formidabile e ancora tutto da misurare. Di lui Einaudi ha pubblicato Marcel Proust e i segni (1967 e 2001), L'Anti-Edipo. Capitalismo e schizofrenia (in collaborazione con Fèlix Guattari, 1975), La piega. Leibniz e il barocco (1990 e, in una nuova edizione, 2004), Che cos'è la filosofia (con Félix Guattari, 1996), Il bergsonismo e altri saggi (2001), L'isola deserta e altri scritti (2007), Due regimi di folli e altri scritti (2010) e L'immagine-movimento (2016).

 


Recensioni


dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...