a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


…i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità permanente.

Francesco Petrarca

Avviso

Eiland - Jennings, Walter Benjamin. Una biografia critica

Opere Einaudi
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2015
pagine: 695

prezzo: € 90,00

ISBN: 9788806225063
a cura di:
traduzione di: Alvise La Rocca
argomento:
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:

  

collana: Piccola Biblioteca Einaudi
editore: Einaudi
data pubblicazione: 13/09/2016
pagine: XXIV - 704

prezzo: € 32,00

ISBN: 9788806232498
a cura di:
traduzione di: Alvise La Rocca
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:

  


 

Howard Eiland - Michael W. Jennings

Walter Benjamin

Una biografia critica


Indice
Introduzione. I. Un'infanzia berlinese. 1892-1912. II. Metafisica della gioventú. Berlino e Friburgo, 1912-1914. III. Il concetto di critica. Berlino, Monaco e Berna, 1915-1919. IV. Affinità elettive. Berlino e Heidelberg, 1920-1922. V. Nomadismo accademico. Francoforte, Berlino e Capri, 1923-1925. VI. Intellettuale a Weimar. Berlino e Mosca, 1925- 1928. VII. Il carattere distruttivo. Berlino, Parigi e Ibiza, 1929-1932. VIII. Esilio. Parigi e Ibiza, 1933-1934. IX. I «passages» di Parigi. Parigi, Sanremo e Skovsbostrand, 1935- 1937. X. Baudelaire e le strade di Parigi. Parigi, Sanremo e Skovsbostrand, 1938-1939. XI. L'Angelo della Storia. Parigi, Nevers, Marsiglia e Port Bou, 1939-1940. Epilogo. - Note. Bibliografia. Indice analitico.

Destinata a diventare la biografia di riferimento di questo outsider del pensiero, Walter Benjamin. Una biografia critica costituisce una fonte di inesauribile interesse per gli studiosi dell'intellettuale tedesco cosí come per il pubblico generale dei lettori.

«Questo fu il talento di Benjamin: trovare le forme nelle quali una profondità e complessità di pensiero, in tutto e per tutto paragonabili a quelle di contemporanei come Heidegger e Wittgenstein, potessero riecheggiare in una prosa immediatamente seducente e memorabile. Leggere i suoi scritti è perciò un'esperienza sensoriale, oltre che intellettuale. È come assaggiare una madeleine imbevuta nel tè: mondi sfuocati nel ricordo rivivono nell'immaginazione. E mentre si fissano, si accumulano e incominciano a ridisporsi, le frasi si armonizzano sapientemente lasciando affiorare una logica combinatoria e rilasciando a poco a poco il loro potenziale destabilizzante. Tuttavia, nonostante la magistrale immediatezza della sua scrittura, l'uomo Benjamin resta inafferrabile. Come è sfaccettata la sua opera, anche le sue convinzioni personali formano ciò che egli definí una «totalità mobile e contraddittoria». Questa efficace formulazione, nella quale sembra di cogliere un appello alla pazienza del lettore, è indicativa della sua forma mentis versatile e poliedrica. Ma l'inafferrabilità di Benjamin denota anche un esercizio consapevole volto a mantenere intorno a sé uno spazio impenetrabile destinato alla sperimentazione. Theodor W. Adorno osservò una volta che il suo amico «non giocava quasi mai a carte scoperte», e questo profondo riserbo, con il suo armamentario di maschere e altre strategie di depistaggio, serviva a salvaguardare lo spazio della sua interiorità». Walter Benjamin è stato uno dei piú importanti ed enigmatici intellettuali del ventesimo secolo. I suoi scritti, che sovrappongono filosofia, teoria letteraria, analisi marxiana della società e una sorta di sincretismo teologico, sfuggono a ogni tradizionale categorizzazione. E la sua esistenza randagia e spesso in fuga dal minaccioso incalzare degli eventi ha offerto terreno ideale a ogni forma di mitologizzazione. La sua parabola intellettuale muove dal brillante esoterismo dei primi scritti ai saggi che hanno fatto di Benjamin una voce centrale della cultura di Weimar, per arrivare agli anni dell'esilio con le pionieristiche teorie sui media moderni e la nascita del capitalismo di consumo nella Parigi del secondo Ottocento. Questo percorso ha avuto luogo nel corso dei piú catastrofici decenni della moderna storia europea: l'orrore della prima guerra mondiale, la surreale instabilità della Repubblica di Weimar e l'incombente ombra del nazismo. Questa nuova biografia, a firma di due tra i piú affermati studiosi dell'opera dell'intellettuale tedesco, getta, al di là dei miti e del carattere frammentario della sua opera, una nuova luce su uno straordinario protagonista della cultura contemporanea. Howard Eiland e Michael W. Jennings mettono per la prima volta a disposizione del lettore una ricca messe di informazioni che consentono di ricostruire in modo sorprendente una vita tragicamente straordinaria. Gli autori offrono al lettore un ritratto complessivo di Benjamin e della sua epoca cosí come dettagliate analisi delle sue opere principali, dall'Opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica ai saggi su Baudelaire e al grande libro sul Dramma barocco tedesco. Destinata a diventare la biografia di riferimento di questo outsider del pensiero, Walter Benjamin. Una biografia critica costituisce una fonte di inesauribile interesse per gli studiosi dell'intellettuale tedesco cosí come per il pubblico generale dei lettori.

 

Walter Benjamin, Opere complete

I. Scritti 1906 - 1922
II. Scritti 1923 - 1927
III. Scritti 1928 - 1929
IV. Scritti 1930 - 1931
V. Scritti 1932 - 1933
VI. Scritti 1934 - 1937
VII. Scritti 1938 - 1940
VIII. Frammenti e Paralipomena
IX. i «passages di Parigi»

 

Condividi questo articolo su...