Avviso

Asor Rosa, Scrittori e popolo 1965. Scrittori e massa 2015

collana: Piccola Biblioteca Einaudi Ns
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2015
pagine: VIII - 432
prezzo: € 32,00
ISBN: 9788806225971
a cura di:
traduzione di: 
argomento:
formato:
per l'acquisto scegli tra:
   
 

Alberto Asor Rosa

Scrittori e popolo 1965. Scrittori e massa 2015



Indice
Cinquant'anni. - Scrittori e popolo. Introduzione. Prefazione alla seconda edizione. Parte prima: Il populismo nella letteratura italiana contemporanea. Le premesse: da Gioberti a Oriani. Dalla prima alla seconda guerra mondiale: interventismo, fascismo, antifascismo. La Resistenza e il gramscianesimo: apogeo e crisi del populismo. Parte seconda: La crisi del populismo. Cassola. Pasolini - Scrittori e massa. Saggio sulla letteratura italiana postmoderna. - Indice dei nomi.

 

Rimanendo fedele a un metodo critico sempre attento all'individuazione di temi, linguaggi e forme, Asor Rosa isola ciò che non c'è piú e ciò che è profondamente mutato, rintracciandolo nelle narrazioni di quegli scrittori che ancora vogliono e sanno raccontare il disagio del nostro tempo senza storia e identità.

In Scrittori e popolo Asor Rosa ricostruiva il quadro storico dello sviluppo del tema populista nella letteratura italiana del Novecento, demistificando alcuni dei «luoghi comuni» di quella cultura, riassumibili nella valorizzazione mitica del «popolo» da un punto di vista piccolo-borghese, una peculiarità dei gruppi intellettuali italiani ereditata dall'Ottocento. Oggi molti aspetti delle vecchie stratificazioni sociali sono andati perduti, le élite intellettuali hanno perso il loro ruolo egemonico e al «popolo» si è sostituita la «massa». Sono di conseguenza cambiate le strutture primarie del sapere, della conoscenza e della creazione artistica e letteraria. L'ampia generazione di scrittori nati dopo il 1960 ha per lo piú smesso di dialogare con la tradizione, rinchiudendosi in un atomismo individualistico. A questo paesaggio magmatico, l'autore cerca di dare ordine ed espressione in Scrittori e massa. Rimanendo fedele a un metodo critico sempre attento all'individuazione di temi, linguaggi e forme, Asor Rosa isola ciò che non c'è piú e ciò che è profondamente mutato, rintracciandolo nelle narrazioni di quegli scrittori che ancora vogliono e sanno raccontare il disagio del nostro tempo senza storia e identità.

 

Alberto Asor Rosa (Roma, 1933) ha insegnato per molti anni Letteratura italiana all'Università La Sapienza di Roma, di cui attualmente è professore emerito. Ha diretto la Letteratura italiana Einaudi nelle sue varie forme ed estensioni. Per lo stesso editore ha pubblicato Scrittori e popolo, Genus italicum, Stile Calvino, Storia europea della letteratura italiana e un volume di aforismi esistenziali, L'ultimo paradosso. Fra i suoi volumi di saggistica politica, Le due società. Ipotesi sulla crisi italiana e La guerra. Sulle forme attuali della convivenza umana. Per Laterza ha pubblicato, a cura di Simonetta Fiori, Il grande silenzio. Intervista sugli intellettuali. Tre i suoi precedenti libri di narrativa: L'alba di un mondo nuovo, Storie di animali e altri viventi e Assunta e Alessandro. Nel 2013 ha pubblicato, sempre per Einaudi, Racconti dell'errore e Breve storia della letteratura italiana (in due volumi).

Recensioni   

articolo di Valerio Magrelli su Repubblica. (leggi)


dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...