a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


I libri che da tanto tempo hai in programma di leggere, i libri che da anni cercavi senza trovarli, i libri che riguardano qualcosa di cui ti occupi in questo momento…

Italo Calvino

Avviso

Wright, La città vivente

collana:  Piccola Biblioteca Einaudi 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2013
pagine: XXXIII - 238

prezzo: € 25,00

ISBN: 9788806211028
contributi di: Bruno Zevi
prefazione di: Jean-Louis Cohen
traduzione di: Enrica Labò
traduzione di: Angelica Taglia
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
 


 


 

Frank Lloyd Wright

La città vivente


Sul tema della città dell'avvenire, Wright ha lavorato per un quarto di secolo, nel modo che gli era tipico e che accentuava quando gli argomenti gli stavano particolarmente a cuore: un modo soggettivo, partigiano, intriso di egotismo. E, per questo, ancora piú affascinante, perché mescola all'utopia una buona dose di pragmatismo, alla fantasia progettuale una ricca e meditata capacità di riflessione.

Con un saggio di Bruno Zevi.
La prefazione di Jean-Louis Cohen è tradotta da Angelica Taglia.

Se è vero, come il grande architetto ritiene, che il disordine sociale ed economico del nostro tempo sia conseguenza inevitabile dell'eccessivo accentramento, si tratterà di valorizzare in concreto l'indipendenza e il rispetto individuali, la coscienza della natura e del suo utilizzo, insieme a una piú intensa percezione della bellezza. A lungo sentito come un «manifesto» per la libertà e la dignità dell'uomo, e considerato, come avviene per ogni bandiera, anche come utopistico, il messaggio di Wright si è dimostrato estremamente concreto e puntuale per chi si sia posto il problema dell'urbanistica contemporanea in termini non astratti. I piani di Wright per la «Città vivente», qui dettagliati con una sorprendente varietà di fotografie, disegni originali, schizzi e planimetrie, includono ogni attività (scuola e teatro, arterie stradali, stadi sportivi, edifici agricoli).

Indice
Prefazione di Jean-Louis Cohen. - Parte prima. Natura. - Parte seconda. Illusione. - Parte terza. Decentramento. - Parte quarta. L'usoniano. Industrializzazione. - Parte quinta. Il presente. - Appendice: Dal «Saggio sull'agricoltura» di Ralph Waldo Emerson. - La città-territorio wrightiana di Bruno Zevi.

 

Frank Lloyd Wright (Richland Center 1869 - Phoenix 1959) è stato uno dei massimi architetti contemporanei. Frequentò per alcuni anni la facoltà d'ingegneria all'Università del Wisconsin, quindi passò alla Chicago Architectural School. Dopo un periodo di intensa attività edilizia, quello delle «Case della prateria» nel Middle West, visitò l'Europa, nel 1910; poi, durante la prima guerra mondiale, visse per qualche anno in Giappone. Nel 1939 venne una seconda volta in Europa e fu insignito dal re d'Inghilterra di una medaglia d'oro. Tornato negli Stati Uniti, visse fra Taliesin West in Arizona e Taliesin nel Wisconsin, dirigendo in entrambe le località una libera scuola d'architettura. Fra le numerose opere che l'hanno reso celebre ci limiteremo a ricordare: il Larkin Building a Buffalo (1904); l'Imperial Hotel a Tokyo (1915- 1922); la Casa Kaufmann detta «Casa sulla cascata» (1936) a Bear Run; il Museo Solomon R. Guggenheim a New York (1943) e l'ardito progetto della «Torre da un miglio» a Chicago (1956). Di Wright, Einaudi ha pubblicato La Città vivente (PBE Ns 2013, con prefazione di Jean-Louis Cohen e un saggio di Bruno Zevi).

 dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...