Ecco quello che non si dovrebbe mai cessare di essere: dei lettori, dei lettori puri, che leggono per leggere, che sanno leggere che, insomma, leggono e basta...

Charles Péguy

Avviso

Bartezzaghi, M

collana: Frontiere
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2015
pagine: 282
prezzo: € 20,00
ISBN: 9788806211424
a cura di: 
traduzione di:
argomento:
formato rilegato
per l'acquisto scegli tra:
 
 
 

Stefano Bartezzaghi

M

Una metronovela

 

Un viaggio sentimentale, insolito e cuneiforme, dentro, e soprattutto sotto, Milano.

«- Scendiamo dal treno, prendiamo un taxi e siamo al residence.
- Ma no, prendiamo la metro. Perché un taxi?
- Per vedere subito la città. Perché la metro?
- Per vedere subito la città».

Tra arrivi e partenze, amicizie lunghe una vita e disincontri quotidiani, orizzonte superiore e orizzonte inferiore, ricordi tenaci e attimi mancati, Stefano Bartezzaghi ci conduce in un insolito viaggio sentimentale nella sua città. E la sua linguacornucopia scava nell'ovvio e nel mediocre del quotidiano e dell'oggetto comune per produrre riverberi insoliti, lampi di ricordi, nuovi angoli di osservazione, storie frivole e serie di persone note o del tutto sconosciute che insieme a Milano ci raccontano anche un'altra possibile città. Magari la nostra.

 

Stefano Bartezzaghi (Milano, 1962) viene da una famiglia di enigmisti - il padre, Piero, era un famoso cruciverbista - e come autore ha esordito con un rebus nel 1971. Collabora con «la Repubblica» con rubriche di giochi (Lessico e nuvole) e di linguistica (Lapsus). Per Einaudi ha pubblicato Sfiga all'ok Corral (1998), Lezioni di enigmistica (2001), Incontri con la Sfinge (2004), L'Orizzonte verticale (2007 e 2013), La posta in gioco (2007), il racconto Variazioni (nel volume collettivo Questo terribile, intricato mondo, 2008), Scrittori giocatori (2010), Una telefonata con Primo Levi (2012), Dando buca a Godot. Giochi insonni di personaggi in cerca di aurore (2012) e M. Una metronovela (2015).

 


 

Recensioni   

«Sapessi com'è strano il cielo sotto Milano» di Massimo Recalcati - La Repubblica 15/04/2015

recensione di Aldo Grasso sul Corriere della sera. (leggi)


dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...