a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


Fondare le biblioteche è come costruire ancora granai pubblici, ammassare riserve contro un inverno dello spirito che da molti indizi, mio malgrado, vedo venire.

Marguerite Yourcenar

Avviso

Littell, Trittico

collana: Frontiere    
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2014
pagine: 152
prezzo: € 23
ISBN: 9788806213367
a cura di:
traduzione di:  Luca Bianco
argomento:
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
  


 

Jonathan Littell

Trittico

Tre studi da Francis Bacon


La sorprendente, e fatale, scoperta di un'affinità elettiva fra l'artista che rappresenta con le immagini lo strazio del corpo e la difficoltà di abitarlo, e lo scrittore che lo narra attraverso le parole.

Ci sono occasioni in cui non serve essere un addetto ai lavori per comprendere a fondo un'opera d'arte. Specie se quello a cui si mira non è tanto l'analisi di una tecnica o l'esegesi di un significato, quanto piuttosto la ricostruzione di una grammatica del pensiero. Di Jonathan Littell conoscevamo finora il registro narrativo (il monumentale Le Benevole), saggistico (Il secco e l'umido) e quello del reportage, giocato anch'esso sul filo della narrazione in continuo dialogo però con una realtà spesso atroce e complessa (i taccuini ceceni e siriani). Trittico ci propone un nuovo volto dello scrittore, che non contraddice i precedenti ma anzi li integra grazie a un serrato confronto, emozionale e stilistico, con le immagini. E non con immagini qualsiasi, ma con quelle della pittura di Francis Bacon, un artista che ha affrontato, con una tecnica inconfondibile e unica, molti dei fantasmi della modernità, dall'angoscia all'incomunicabilità, e soprattutto il grande tema del corpo. Bacon è anzitutto un pittore di figure deformate che sono in realtà specchio dei fantasmi interiori. Armato di un amore intenso per la sua opera, di un'intelligenza acuta e del talento letterario che conosciamo, e supportato da uno studio approfondito, Littell articola la riflessione sulla vita e sulle opere di Bacon attraverso tre diversi punti di vista, regalandoci cosí il suo personalissimo Trittico. L'angoscia, l'incomunicabilità, il tema del corpo deformato, riflesso di sfiguramenti interiori, sono colti da Littell in una prosa che con la pittura di Bacon ha molto in comune: controllata, approfondita, sicura, ma anche al servizio di immagini di grande lirismo.

 

Jonathan Littell è nato a New York nel 1967. Presso Einaudi ha pubblicato Le Benevole (2007), che ha vinto il Prix Goncourt e il Grand Prix du Roman de l'Académie Française, Il secco e l'umido. Una breve incursione in territorio fascista (2009) e Cecenia, anno III (2010). Da Nottetempo sono usciti la raccolta di racconti Studi (2009) e Racconto su niente (2010). Nel 2012 Einaudi ha pubblicato Taccuino siriano. 16 gennaio-2 febbraio 2012 (Passaggi Einaudi), diario delle due settimane e mezza trascorse a Homs, nel cuore dei quartieri che si oppongono al regime siriano; nel 2014, sempre per Einaudi, è uscito Trittico. Tre studi da Francis Bacon.

Recensioni   

«Quel Bacon spietato che non andava giù ai critici conformisti» di Massimiliano Parente - Il Giornale 08/02/14

«Nel corpo dell'artista» di Giuseppe Montesano - L'Unità 08/02/2014

«Littell incontra Bacon, il saggio diventa romanzo» il Messaggero  15/02/14

«Allarme Francis Bacon, nella pittura l'origine della psiche» di Emanuele Trevi - Alias 02/03/14


dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...