Avviso

Calendario eventi

                       

in collaborazione con

 

 

Agnès Cousin de Ravel

Tradurre la Commedia in francese

Voce recitante Gabriella Lippolis

 Sabato 20 novembre 2021 - ore 17:00

L’evento si terrà in presenza e su Zoom

CostArena - Via Azzo Gardino 48 - Bologna

in presenza. Sarà richiesto il Green Pass per accedere alla sala.

piattaforma Zoom. Si potrà entrare utilizzando le seguenti coordinate:
https://us02web.zoom.us/j/82182219326?pwd=RFRsa3p6M3FNeDJaY0ZYMTdUbzNGUT09
ID riunione: 821 8221 9326
Passcode: 564441

L’opera di Dante arriva in Francia già nel Medioe­vo. La poetessa Christine de Pizan conosceva la Com­media e la preferiva al famoso Roman de la Rose; nel Rinascimento, alla corte del re Francesco I°, il testo veniva letto ogni giorno. Così, a partire dalla fine del Cinquecento, divenne necessario cominciare a tradur­lo. È difficile tradurre un poema senza impoverirlo: tra­durre la Commedia significherebbe correre il rischio di tradire il pensiero del sommo poeta?

Tradurre è un doppio incontro: con l’autore e con il proprio lettore. Tradurre la Commedia pone il pro­blema di ogni traduzione poetica: rendere conto in un’altra lingua di un’opera poetica, sapendo che un poema esiste attraverso la lingua. In più, nella Com­media, Dante inventa la sua lingua, il che pone ulte­riori problemi al traduttore, costretto a muoversi tra due lingue, la propria e quella di Dante, per non tradi­re (troppo) nessuna delle due. Questi problemi rinno­vano in fondo quelli che si ponevano allo stesso Dante quando scriveva la Commedia.

Tradurre la Commedia è intrecciare due voci, due singolarità, due sensibilità, due culture e due lingue: il volgare sublime di Dante nel Trecento e il francese contemporaneo. Tradurre è creare legami tra un’ope­ra, il suo autore e un lettore sconosciuto, in un’epoca che ha i suoi propri miti, un rapporto specifico con l’e­sterno, con le altre culture, con le altre lingue. Inol­tre, la storia delle traduzioni francesi della Commedia è strettamente legata alla storia politica e anche al mutare delle lingue. Tradurre è un’impresa audace e difficile – per nostra fortuna spesso riuscita - perché la lingua di Dante, i suoi versi, portano i traduttori fino al limite stesso della possibilità di tradurre.

Dal 1965 ad oggi sono dieci le traduzioni in fran­cese di cui disponiamo, tutte in versi: esse rispondono a presupposti, progetti, obiettivi molteplici e si indi­rizzano a pubblici molto diversi. Inoltrarci in alcune di queste soluzioni sarà il filo conduttore del nostro in­contro.

Agnès Cousin de Ravel: francesista, saggista, Tra i suoi ulti­mi libri: Quignard, maître de lecture, Lire, vivre, écrire (Paris, 2012); Quignard, Vies, Oeuvres (Paris, 2018); Blaise Pascal, Un autre visage (Paris, 2020). Appassionata dalla cultura ita­liana, da qualche anno studia l’italiano per diletto.


Calendario degli incontri dedicati a Dante:

Raffaele Riccio, Le traduzioni spagnole della Commedia (titolo provvisorio in data da definire)


 Archivio eventi 

 

...calma nell’azione” e  libertà attraverso la lettura, questo è il nostro motto

«La calma nell’azione. Come una cascata diventa nella caduta più lenta e sospesa, così il grande uomo d’azione suole agire con più calma di quanto il suo impetuoso desiderio facesse prevedere prima dell’azione.» (Friedrich Nietzsche, Umano, troppo umano)

... un luogo per comperare libri, pensare, discutere, incontrarsi-confrontarsi, bere un buon caffè, gustare un buon vino


Condividi questo articolo su...