I libri che da tanto tempo hai in programma di leggere, i libri che da anni cercavi senza trovarli, i libri che riguardano qualcosa di cui ti occupi in questo momento…

Italo Calvino

Avviso

Articoli

Butterworth, Il mondo che non fu mai

collana: i Saggi  
editore: Einaudi
data pubblicazione: 2011
pagine: XXII-526
prezzo: € 34,00
ISBN: 9788806206253
a cura di:
traduzione di: Mario Marchetti
illustrazioni di: Botond Részegh
argomento:
formato: rilegato con 2 illustrazioni nel testo e 22 fuori testo
per l'acquisto scegli tra:
      
 
 
 
 

Alex Butterworth

Il mondo che non fu mai

Una storia vera di sognatori, cospiratori, anarchici e agenti segreti


Nelle ultime tre decadi del XIX secolo il mondo sprofondò in un periodo di globale instabilità e di forte recessione. E mentre il capitalismo continuava ad allargare l'abisso tra ricchi e poveri, dalla Russia all'Europa occidentale e all'America, i governi, già sconvolti da drammatici mutamenti geopolitici, si vedevano minacciati da crescenti conflitti sociali e dall'ascesa del socialismo. Su di loro incombeva lo spettro dell'Anarchico e l'ombra del terrorismo internazionale.

Zar e imperatori, presidenti e plutocrati, borghesi che si riunivano nei teatri e nei caffè, tutti potevano cadere vittime di attentati. Era un nuovo tipo di Terrore, che poteva colpire ovunque, permeando profondamente l'immaginazione dell'epoca. La sua arma piú micidiale, tuttavia, accanto a pistole e dinamite, era la paura stessa: un aspetto che non sfuggí a coloro che i potenti dovevano proteggere. E in un'era di credulità, in cui prosperavano falsari e imbroglioni, furono molte le trame ordite dai capi di polizia e dai loro agenti provocatori. Anzi, fu proprio a partire dalle azioni compiute da questi individui dimenticati che si svilupparono i pericolosi deliri di una cospirazione planetaria che avrebbe avvelenato il secolo seguente. Mirabile esplorazione di un'epoca cruciale della storia, Il mondo che non fu mai racconta in che modo le vicende degli anarchici (variamente mescolati a cospiratori e terroristi) si intrecciarono a quelle delle polizie e degli agenti segreti dei governi al potere. Compresa tra la Comune di Parigi del 1871 e il moto rivoluzionario pietroburghese del 1905, sviluppatasi su cinque continenti, la loro fu la storia di una generazione che vide sgretolarsi il sogno di Utopia, sostituito da una disperazione pericolosa: il ritratto rivelatore di un'epoca che ha impreviste assonanze con la nostra.

«Dal famoso socialista italiano Mazzini al poco conosciuto giornalista politico tedesco Karl Marx, solo Londra offriva asilo sicuro ai ribelli politici del continente. Sebbene vi si fossero rifugiati in settemila dopo il turbinio del 1848, l'ospitalità britannica non dava segni di diminuire; l'arrivo del combattente per la libertà Lajos Kossuth solo alcune settimane prima di Reclus, dopo che il rivoluzionario era stato estromesso dalla presidenza dell'Ungheria per mano della Russia, era stato salutato da folle plaudenti. Reclus, il quale sempre piú si considerava un compagno di strada, poteva senza timore seguire conferenze pubbliche tenute da luminari esuli quali Louis Blanc e il russo Aleksandr Herzen o frequentare i massoni della loggia di Filadelfia, impegnati a rovesciare l'usurpatore Napoleone. Tuttavia, tra l'eccitazione dei liberi dibattiti, furono le visite di Reclus al mirabolante artefatto di un imbonitore in Leicester Square a lasciare su di lui l'impressione piú forte».
«Un libro sorprendente, zeppo di personaggi incredibili che si rivelano tutti veri, e di storie incredibili che si rivelano tutte autentiche. Sullo sfondo dell'Europa e dell'America del tardo Ottocento in cui uno sbalorditivo progresso industriale si accompagnava alla povertà di massa e alla lotta di classe, Butterworth sbroglia i percorsi e i complotti dei rivoluzionari di professione, degli improbabili dilettanti, delle spie, degli informatori, degli agenti provocatori, dei falsi conti e delle femmes fatales che costituivano l'anima del movimento anarchico internazionale e dei suoi nemici. Un'impresa straordinaria». David Aaronovitch

 

Alex Butterworth è storico e drammaturgo. Il suo primo libro, scritto insieme a Ray Laurence, Pompeii. The Living City, ha vinto il Premio Longman - «History Today» (Book of the Year). Nel 2011 ha pubblicato per Einaudi Il mondo che non fu mai. Vive a Oxford.

 

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...