...i libri che ti mancano per affiancarli ad altri nel tuo scaffale, i libri che ti ispirano una  curiosità improvvisa, frenetica e non chiaramente giustificabile.

Italo Calvino

Avviso

Articoli

Pejrone, I dubbi del giardiniere

collana: Saggi : Passaggi
editore: Einaudi
data pubblicazione: 01/06/2021
pagine: 192
prezzo: € 17,00
ISBN: 9788806250126
traduzione di:
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
      
ACQUISTA

 

 

Paolo Pejrone

I dubbi del giardiniere

Storie di slow gardening


Di fronte al riscaldamento globale il giardiniere procede con poche certezze e molti dubbi: poco lavoro, poca acqua e molta lentezza. Lo slow gardening non è un fatto di quantità ma di qualità.

Questo libro è un «concentrato» di dubbi, un generatore di interrogativi. Non risolutivo ma, forse, utile. Accorgersi di ciò che accade nei nostri giardini è il primo passo per cambiarlo. È un viaggio che testimonia le tante conseguenze del famigerato surriscaldamento globale in giardino, evitando giudizi assoluti e formule stereotipate. Il giardino di domani, forse, sarà in grado di lavorare sul superfluo e sul pretestuoso, concentrandosi sull’espressione sincera dei luoghi. Il che già vale come una promessa di sostenibilità. Occorrerà rinunciare a qualcosa, riabituarci a ritmi meno nevrotici, fare i conti con poca acqua, pochissima manutenzione e tanta lentezza. Vuol dire rispettare i tempi e le condizioni che la natura impone. Lo slow gardening non è un fatto di quantità, ma di qualità. Piantare per contrastare il cambiamento climatico significa innanzitutto piantare assecondando il cambiamento climatico: trovare specie e tecniche che garantiscano la sopravvivenza pur in un contesto alterato e artificioso.

 

Paolo Pejrone nasce a Torino nel 1941. Vive in Piemonte, nel Saluzzese. Si laurea in Architettura al Politecnico di Torino. Allievo di Russell Page, frequenta lo studio di Roberto Burle Marx a Rio de Janeiro. Dal 1970 lavora in Italia, Francia, Spagna, Svizzera, Arabia Saudita, Grecia, Inghilterra e Germania come architetto di giardini. In campo editoriale dal 1972 collabora continuativamente, sul tema del giardino, con numerosi giornali, riviste d'opinione e specialistiche. Dal 1999 fino al 2006 ha tenuto la rubrica «Fiori e giardini» su «Tuttolibri», supplemento settimanale de «La Stampa»; dal 2005 cura la rubrica «Il giardino delle ortiche» sulla rivista «VilleGiardini»; dal 2007 tiene una rubrica su «Tuttoscienze», inserto scientifico de «La Stampa», e un'altra su «Specchio», rivista mensile de «La Stampa». È autore, tra l'altro, di In giardino non si è mai soli (2002), Il vero giardiniere non si arrende (2003), I miei giardini (2008) e Gli orti felici (2009). Per Einaudi ha pubblicato La pazienza del giardiniere (2009 e 2011).

 

recensioni:

dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...