Avviso

Articoli

Belli, Sonetti

collana: i Millenni
editore: Einaudi
data pubblicazione: 25/09/2018
pagine:  CLXXVIII - 5078
prezzo: € 240,00
ISBN: 9788806238216
a cura di: Pietro Gibellini
a cura di:  Lucio Felici
a cura di:  Edoardo Ripari
traduzione di:
argomento: classici
illustrazioni:
formato: rilegato 4 voll. in cofanetto
per l'acquisto scegli tra:
      
 

Giuseppe Gioacchino Belli

Sonetti


L'«opera mondo» più affascinante della letteratura italiana dopo la Divina Commedia. Nella sua interezza e con un'appassionata cura critico-filologica che ne svela i pregi più riposti, i giochi più divertenti, la visione della vita più amara e senza speranza.

Belli tenne sempre nascosti i suoi Sonetti, che mostrò e recitò solo ad amici fidati. Dei 23 pubblicati durante la sua vita, solo uno uscì con il suo consenso: un omaggio in versi all'attrice Amalia Bettini che apparve nel 1835 su una rivista teatrale milanese. Meditò tuttavia a lungo di pubblicarli, a partire dal 1831, quando cominciò a sgorgare fluente la sua vena romanesca, che produrrà oltre duemila sonetti prima di arrestarsi nel turbine politico e militare che sconvolse Roma nel 1848-49. Coabitarono in lui la tentazione di bruciarli e la volontà di predisporli per una stampa futura, magari postuma. Nelle sue carte testamentarie ordinò di distruggerli ma affidò in mani sicure i loro autografi, corredati da preziose note per lettori non romani, e disconobbe le copie apocrife o deformate che circolavano sotto il suo nome, in manoscritti o in opuscoli stampati alla macchia. La prima vera edizione delle Poesie inedite belliane, che uscì nel 1865-66, due anni dopo la morte del poeta, a cura del figlio Ciro, contiene 166 poesie italiane in vario metro e 797 sonetti romaneschi, un terzo circa del corpus. Per prevenire la censura pontificia vennero scartati i testi di satira politica e religiosa e quelli di materia erotica. I sonetti inclusi vennero depurati dalle espressioni indecenti e dai riferimenti polemici al clero. Pur così castigata, e perciò criticata, questa silloge è frutto di un'iniziativa coraggiosa, intrapresa quando Porta Pia era ancora intatta. L'anno della breccia, 1870, uscì l'antologia di Duecento sonetti che Luigi Morandi attinse in parte dalla stampa purgata, in parte dalla «tradizione popolare»: nonostante questi limiti, l'antologia pubblicata da un editore di importanza nazionale, il Barbèra di Firenze, diede un sensibile impulso alla conoscenza di Belli oltre i sette colli. La prima edizione complessiva e fondata sugli autografi uscì tra il 1886 e il 1889 per le cure dello stesso Morandi, che aggiunse note integrative a quelle dell'autore: vi riunì i 2143 sonetti allora noti - altri 123 saranno rintracciati poi - e li dispose in ordine cronologico, con la rilevante eccezione dei sonetti osceni, estrapolati e riuniti in tomo a sé, che divenne un vero bestseller. Una svolta decisiva nella tradizione a stampa dei Sonetti si ha nel 1952 con l'edizione di Giorgio Vigolo, corredata di un'attenta annotazione che, per i sonetti più congeniali al criticopoeta, si dilata in suggestivi commenti. Egli riporta i 2279 sonetti secondo la lezione degli autografi, fatta salva l'uniformazione dell'oscillante grafia diacritica del poeta; li dispone in ordine cronologico, con la rilevante eccezione della lunga collana sul colera, Er còllera mòribbus, posta a chiusura della raccolta, come fosse un poemetto autonomo. Importanti acquisti per chiarire la genesi e l'elaborazione dei Sonetti si hanno con la pubblicazione degli appunti preparatori e delle varie stesure dell'Introduzione belliana (Roberto Vighi, Belli romanesco, 1966) e delle correzioni d'autore (Pietro Gibellini, Le varianti autografe dei sonetti romaneschi, 1973). Con la monumentale Edizione nazionale (Poesie romanesche, 1988-93), Vighi arricchisce la raccolta di un massiccio corredo esegetico; sul piano strutturale segue a grandi linee l'ordine cronologico, accostando però liberamente sonetti di tema affine ma di data diversa. Ora, in questa nuova edizione critica, a cura di Pietro Gibellini, Lucio Felici e Edoardo Ripari, i 2279 sonetti di sicura paternità belliana sono riccamente annotati e commentati. La lezione è fedele agli autografi anche nella grafia, e l'ordine dei testi ripristina la sequenza cronologica, più o meno alterata da tutte le edizioni precedenti. L'apparato filologico che la completa comprende la lista delle correzioni d'autore, i sonetti incompiuti e le poesie romanesche in altro metro.

 

Giuseppe Gioacchino Belli (1791 - 1863), nasce a Roma nel 1791. Dopo un’infanzia ed un’adolescenza difficili per la morte dei genitori e le conseguenti difficoltà economiche nel 1816 sposa la vedova del conte Pichi, Maria Conti, più anziana di lui di 13 anni. Il matrimonio gli porta un periodo di agiatezza economica. Inizia in quel periodo a dedicarsi più intensamente agli studi letterari e alla poesia e compie numerosi viaggi. 

La produzione poetica di Belli inizialmente è quasi esclusivamente in italiano poi diventa prevalente quella in dialetto e nell’arco di pochi anni il poeta scriverà quasi 2000 sonetti, arrivando a scrivere fino a 12 sonetti al giorno.
La prima lirica è datata 1814 mentre i primi componimenti dialettali risalgono al 1817.
Tra il 1829 e il 1849 compose 2179 testi romaneschi che vennero uniti nella raccolta dei Sonetti, l’opera per la quale il Belli raggiunge la notorietà.

 


 

recensioni:

dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...