a 20 € al mese.

tutti i libri che vuoi

 


Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma.

Cesare Pavese

Avviso

Articoli

Smith, Fuga in Europa

collana: P B E - Maverick
editore: Einaudi
data pubblicazione: 11/09/2018
pagine: XXVIII - 172
prezzo: € 20,00
ISBN: 9788806239091
a cura di:
traduzione di: Piero Arlorio
argomento:
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
 

Stephen Smith

Fuga in Europa

La giovane Africa verso il vecchio continente

 

L'egoismo nazionalista e l'universalismo umanista sono entrambi pericolosi. Guidato dalla razionalità dei dati, questo saggio di geografia umana cerca un difficile punto di equilibrio tra interessi e ideali.

L'Europa sta invecchiando e si sta spopolando. L'Africa è piena di giovani e di vita. La migrazione di massa, appena iniziata, è per modalità e dimensioni la sfida piú drammatica del ventunesimo secolo. L'Unione Europea conta oggi 510 milioni di abitanti che invecchiano; l'Africa un miliardo e 250 milioni, il 40% dei quali ha meno di quindici anni. Nel 2050, ci saranno 450 milioni di europei contro 2 miliardi e mezzo di africani. Da qui al 2100, tre persone su quattro del mondo saranno nate a sud del Sahara. L'Africa «sta emergendo» e, uscendo dall'assoluta povertà, si mette in marcia. Se gli africani replicheranno ciò che è sempre avvenuto e avviene nella storia dell'umanità, fra trent'anni l'Europa avrà dai 150 ai 200 milioni di afro-europei, rispetto ai 9 milioni odierni. Una pressione migratoria di questa portata sottoporrà l'Europa a una prova senza precedenti, col rischio di portare al parossismo la spaccatura tra élite cosmopolite e populisti difensori del suolo. Se lo stato sociale senza frontiere è una pia illusione, immaginare di fare del Mediterraneo il fossato di una «fortezza Europa» - erigendo intorno al continente della ricchezza e della sicurezza sociale dei muri per arrestare il flusso - dissolverebbe le basi stesse dell'Europa.

 

Stephen Smith si è occupato di Africa per «Libération» (1988-2000) e poi per «Le Monde» (2000-2005). Ha lavorato come analista per le Nazioni Unite e L'International Crisis Group. Dal 2007 insegna Studi africani alla Duke University. Tra i suoi molti libri ricordiamo Négrologie: pourquoi l'Afrique se meurt; Oufkir, un destin marocain e, tra quelli scritti insieme ad Antoine Glaser, Ces Messieurs Afrique e Comment la France a perdu l'Afrique. Per Einaudi ha pubblicato Fuga in Europa. La giovane Africa verso il vecchio continente (2018).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

recensioni


dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...