Avviso

Articoli

Calamaro, La vita ferma. L'origine del mondo.

collana: Collezione di teatro
editore: Einaudi
data pubblicazione: 25/05/2018
pagine:  168
prezzo: € 14
ISBN: 9788806237783
a cura di:
traduzione di:
argomento: Teatro
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
  


 

Lucia Calamaro

La vita ferma. L'origine del mondo.

 

La vita ferma e L'origine del mondo sono due fra i testi teatrali che negli ultimi anni, per aver affrontato in maniera cosí diretta e originale il tema della sofferenza, hanno goduto delle maggiori attenzioni critiche, collocando Lucia Calamaro in una posizione primaria nella nuova drammaturgia italiana.

Simona è morta ma non ha nessuna intenzione di svanire e di essere dimenticata da suo marito e da sua figlia. Con determinazione e ironia, il suo fantasma si aggira in scena attivando pensieri ed emozioni. La vita ferma è un testo sul lutto, sul dolore e sullo svanire del dolore, sul senso di mancanza che permane oltre l'attenuarsi del ricordo. Daria, invece, è una donna non piú giovane che lotta contro la depressione, tra l'incudine e il martello di una figlia (che talvolta in scena si trasforma nella sua psicanalista) e di una madre. Un testo che gioca sul filo schizofrenico di una quotidianità tutta frigorifero e lavatrice e dialoghi coltissimi a partire da citazioni di Onetti o Wittgenstein.

«Che tipo di scrittura teatrale è quella di Lucia Calamaro? È una lingua che ha masticato Bernhard, Koltès, Beckett e Pinter, e insieme a loro ha fatto un'indigestione delle formule di autoriflessione novecentesca, dalla psicanalisi al postmoderno, per arrivare a cosa? A venirne schiantata, atterrata. Ma non per questo i testi di Calamaro sono retroflessi, nostalgici, derivativi. La velocità della verbigerazione se la può battere ad armi pari con quella di una sitcom inglese di ultima generazione, o alla sceneggiatura di un film di Sorkin». Christian Raimo


Lucia Calamaro è drammaturga, regista e attrice. Tra i suoi testi: Guerra (2004),Cattivi maestri (2005), Tumore (2006), Autobiografia della vergogna (2008), Diario del tempo (2014). L'origine del mondo ha vinto il premio Ubu 2012 come miglior nuovo testo italiano. La vita ferma ha debuttato nel 2016 al Festival di Terni ed è stato poi riproposto con grande successo al Teatro India di Roma, al Franco Parenti di Milano e all'Odéon di Parigi. Alcuni dei suoi lavori sono stati raccolti nel volume Il ritorno della madre, a cura di Renato Palazzi (Editoria & Spettacolo 2013). Per Einaudi ha pubblicato La vita ferma. L'origine del mondo (2018).

Recensioni


dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...