20 AL MESE.

TUTTI I LIBRI

CHE VUOI


…i libri ci danno un diletto che va in profondità, discorrono con noi, ci consigliano e si legano a noi con una sorta di famigliarità permanente.

Francesco Petrarca

Avviso

Articoli

Char, Fogli d'Ipnos (1943-1944)

collana: Collezione di poesia 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 1968
pagine: 123
prezzo: € 11,00
ISBN: 9788806023454
a cura di:
prefazione di: Vittorio Sereni
traduzione di: Vittorio Sereni
argomento: poesia
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:


 

René Char

Fogli d'Ipnos (1943-1944)

 

Una volta di piú l'anno nuovo confonde i nostri occhi. | Alte erbe son deste che amore non hanno | Se non col fuoco e con la morsa e rimorsa prigione. | Dopo saranno le ceneri del vincitore | E il racconto del male; | Le ceneri saranno dell'amore; | La spinalba superstite al rintocco di morte; | Saranno le ceneri di te, | Immaginarie, della tua vita immobile sul suo cono d'ombra.


Il fatto che nei Feuillets d'Hypnos le non molte note precise in cui si trovano descritte certe peripezie della lotta clandestina siano disseminate tra poesie, riflessioni non datate, immagini sorte dalla profondità del mondo intemporale e che queste note di dettaglio e d'attualità appaiono ogni volta, in quell'assieme, necessarie e come inevitabili, mostra meglio di ogni altra prova come, per un'esistenza poetica, la poesia si riveli a se stessa, non solo quando riflette su sé, ma quando decide di sé e che può così parlare di tutto, appunto perché a se stessa, in tutto, presenza di tutto, ricerca della totalità, che essa sola è potere e diritto di parlare di tutto, di fare di tutto parola. Maurice Blanchot

Dopo aver avuto legami con il movimento surrealista, René Char, nel corso degli anni Trenta, mentre il fascismo avanzava ovunque, maturò l’idea di una responsabilità del poeta e della poesia. Ciò che gli interessava era orientare la poesia verso un’etica: essa non deve chiudersi in se stessa, né abbandonarsi alle sirene del lirismo o alle seduzioni del linguaggio: “La poesia vive d’insonnia perpetua”.

Quando scoppiò la guerra, René Char scelse l’azione: il poeta si eclissò e lasciò il posto al capitano Alexandre, lo pseudonimo con cui entrò e combatté nel maquis. In quel tempo di lotta tenne un diario. Diario di guerra, agenda, libro di bordo, sopravvivenza dell’anima: sono pagine terribili e intense che Albert Camus pubblicherà nella collana l’Espoir (Gallimard) nel 1945, dopo la guerra, con il titolo di Feuillets d’Hypnos. Proprio l’attesissima riedizione per Einaudi di questo volumetto, esaurito da anni e tradotto da Vittorio Sereni, dà oggi occasione al lettore italiano di (ri)scoprire una delle più alte voci poetiche del Novecento.

 

René Char (1907-1988) - Autore di diverse poesie, tra cui Il martello senza padrone, nella quale l'autore riflette la sua esperienza surrealista, e Fogli di Hypnos (1946), opera consistente in  riflessioni ispirate dall'esperienza partigiana, vissuta personalmente da René Char col soprannome di Capitano Alexandre, nell'ambito della resistenza francese, conosciuta dal pubblico italiano grazie alla traduzione di Vittorio Sereni.

 

 

 

Recensioni



dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...