20 AL MESE.

TUTTI I LIBRI

CHE VUOI


Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma.

Cesare Pavese

Avviso

Articoli

McMeekin, Il crollo dell'impero ottomano

collana: La Biblioteca
editore: Einaudi

data pubblicazione: 03/10/2017

pagine: XVI - 558

prezzo: € 34,00

ISBN: 9788806234249
a cura di: 
traduzione di: Daniele Cianfriglia
traduzione di: Chiara Veltri
argomento:
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 

 

Sean McMeekin

Il crollo dell'impero ottomano

La guerra, la rivoluzione e la nascita del moderno Medio Oriente. 1908-1923

 

Una rivisitazione sorprendente della storia d'inizio Novecento, osservata attraverso le vicende dell'Impero ottomano, che offre nuove e profonde intuizioni sulla Prima guerra mondiale e il Medio Oriente contemporaneo.

L'Impero ottomano durò per piú di sei secoli, prima di dissolversi durante un ampio conflitto che ebbe al centro la Prima guerra mondiale. A partire dall'invasione italiana della Tripoli ottomana nel mese di settembre 1911, l'impero si trovò in uno stato di emergenza continua, con a malapena una frontiera non minacciata. Era sotto costante assedio, ormai considerato un guscio vuoto, e tuttavia dimostrò di essere ancora in grado di resistere, respingendo i principali attacchi a Gallipoli e in Mesopotamia, prima del definitivo crollo del potere centrale nel 1918. Mentre gli europei stavano decidendo come spartirsi i territori e Costantinopoli sembrava impotente di fronte agli accordi dei vincitori, si materializzò un'entità del tutto inaspettata: la Turchia moderna. Grazie alla sorprendente genialità di Mustafa Kemal, un nuovo potente stato era emerso dai frammenti dell'impero. McMeekin scrive questo epico racconto per intero - dagli albori fino al trattato di Losanna del 1923 che stabilí l'indipendenza della Repubblica turca - e ciò obbligherà molti lettori a riconsiderare il conflitto sotto una nuova luce. Le ripercussioni di questa «guerra di successione ottomana» si sono fatte sentire per tutto il xxi secolo, e paesi diversissimi come Serbia, Grecia, Libia, Armenia, Iraq e Siria ancora oggi devono fare i conti con quel passato. Il libro nasce da una serie di ricerche svolte negli archivi turchi e russi, solo di recente consultabili, e utilizzando inedite fonti inglesi, tedesche, francesi, americane e austro-ungariche.

 

Sean McMeekin insegna Storia al Bard College, New York. Ha scritto, tra l'altro: July 1914: Countdown to War; The Russian Origins of the First World War (Norman B. Tomlinson Jr. Book Prize e nominato al Lionel Gelber Prize) e The Berlin-Baghdad Express: The Ottoman Empire and Germany's Bid for World Power, 1898-1918 (Barbara Jelavich Book Prize). Precedentemente ha insegnato all'Università Koç di Istanbul, all'Università Bilkent di Ankara e alla Yale University. Per Einaudi ha pubblicato Il crollo dell'Impero ottomano. La guerra, la rivoluzione e la nascita del moderno Medio Oriente. 1908-1923 (2017).

 

Recensioni

recensione di Paolo Mieli su Corriere della Sera. (leggi)


dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...