Avviso

Articoli

Azoulay, Pericle

collana: La Biblioteca
editore: Einaudi

data pubblicazione: 20/06/2017

pagine: XIV - 306

prezzo: € 30,00

ISBN: 9788806232580
a cura di: 
traduzione di: Cristina Spinoglio
argomento:
formato: rilegato con 13 illustrazioni in bn nel testo e 1 cartina
per l'acquisto scegli tra:
  

 

 

 

Vincent Azoulay

Pericle

La democrazia ateniese alla prova di un grand'uomo

 

Per i manuali di storia Pericle è lo statista illuminato, l'amico dei filosofi, l'urbanista insigne, il principale artefice del «miracolo» greco e soprattutto l'inventore della democrazia. Ma quanto della sua leggenda regge alla prova della verità storica?

Da Tucidide e Plutarco a Montaigne, Voltaire e Rousseau, da Hobbes ai farneticanti ideologi nazisti, a lungo Antichi e Moderni si sono interrogati sui rapporti tra Pericle e la comunità ateniese. Il grand'uomo fu dunque un leader onnipotente o un mero ventriloquo delle aspirazioni popolari? Ecco l'enigma che questa esemplare ricerca prova a risolvere.

«Personaggio familiare dei libri di scuola e delle opere dedicate alla Grecia antica, Pericle ha il raro privilegio d'incarnare da solo un "secolo intero", condensando intorno al suo nome l'apogeo di Atene e il fiorire della prima democrazia della storia. Rivelato da un busto di epoca romana, il suo volto impenetrabile sembra costituire una sfida lanciata allo storico. Come interpretare questa statua levigata, priva della minima asperità? Come proporre un nuovo sguardo su un soggetto già studiato cosí tante volte? Accingersi all'analisi di questo monumento della storia comporta chiaramente il rischio di perdersi nell'oceano di una storiografia pletorica senza mai raggiungere un porto sicuro... Se Pericle ha indubbiamente pesato sulle decisioni collettive della città, inversamente la vita del grand'uomo rivela in filigrana l'influenza del demos ateniese sui suoi dirigenti. Anche solo per esercitare il minimo potere, il grand'uomo doveva tener conto delle aspettative popolari, e in tal senso armonizzare, allineare e adattare il proprio comportamento. È proprio la complessa interazione tra il popolo e i suoi capi ciò che merita di venir posto al centro dell'indagine. Un progetto incentrato su Pericle dovrà quindi muoversi su uno stretto crinale: guardarsi dall'idealizzare Atene, senza per altro negare la rottura prodotta dall'invenzione della democrazia; evitare se possibile i paralleli ingannevoli senza rinunciare a lasciar affiorare alcuni anacronismi ben controllati, poiché la storia, anche quella di marca positivista, è sempre alimentata dai dibattiti di oggi; infine, non cedere né all'illusione del grand'uomo, né a quella dell'onnipotenza delle masse, per indagare piuttosto la tensione produttiva sussistente tra lo stratega e la comunità ateniese. È soltanto in vista di questa triplice condizione che si può sperare di accordare tutto il loro spessore storico a Pericle e alla città, sottolineando i profondi divari e le poche analogie con la vita democratica contemporanea».

 

Vincent Azoulay insegna Storia greca all'Université de Paris-Est Marne-la-Vallée ed è membro dell'Institut Universitaire de France. Ha pubblicato Xénophon et les grâces du pouvoir. De la charis au charisme (Publications de la Sorbonne, 2004) e Les Tyrannicides d'Athènes. Vie et mort de deux statues (Seuil, 2014). Per Einaudi ha pubblicato Pericle (2017), vincotpre dell Prix du Livre d'Histoire du Sénat.

 

Recensioni

dello stesso autore nel catalogo Einaudi

Condividi questo articolo su...