20 AL MESE.

TUTTI I LIBRI

CHE VUOI


Leggendo non cerchiamo idee nuove, ma pensieri già da noi pensati, che acquistano sulla pagina un suggello di conferma.

Cesare Pavese

Avviso

Articoli

Bregman, La vittoria maledetta


collana: Einaudi Storia
editore: Einaudi
data pubblicazione: 16/05/2017
pagine: XXXVIII - 346
prezzo: € 33,00
ISBN: 9788806226367
a cura di:
traduzione di:  Maria Lorenza Chiesara
argomento: storia
formato: rilegato
per l'acquisto scegli tra:
   
 

 

 

Ahron Bregman

La vittoria maledetta

Storia di Israele e dei Territori occupati

 

La storia di una vittoria militare, quella del 1967, che ha cambiato il destino di Israele e del Medio Oriente.

Nella breve ma decisiva Guerra dei sei giorni del 1967, Israele, con una mossa che avrebbe modificato per sempre la mappa del Medio Oriente, ha conquistato la Cisgiordania, le Alture del Golan, la Striscia di Gaza e la Penisola del Sinai. La vittoria maledetta è la prima storia completa delle turbolente conseguenze di quella guerra: un'occupazione militare dei territori palestinesi che compie adesso cinquant'anni. Fondato su documenti tratti da fonti di alto livello finora inaccessibili, il libro offre una cronaca cruda e avvincente di come la promessa di Israele di una «occupazione leggera» rapidamente sia stata disattesa e di quali siano stati i tormentati tentativi diplomatici di concluderla. Bregman porta nuova luce sui momenti critici del processo di pace, conducendoci dietro le quinte delle decisioni che hanno determinato il destino dei Territori. Ci svela inoltre come siano state mancate opportunità cruciali di risolvere il conflitto e la fine dell'occupazione.

Questa è la storia dell'occupazione israeliana della Cisgiordania, di Gerusalemme, delle Alture del Golan, della Striscia di Gaza e della Penisola del Sinai a partire dalla schiacciante vittoria di Israele sulle forze congiunte dei suoi vicini Giordania, Siria ed Egitto nella Guerra dei sei giorni del 1967. Il Sinai fu gradualmente restituito all'Egitto tra il 1979 e il 1982, in seguito a un accordo di pace stipulato dopo la guerra, e nell'agosto 2005 Israele ritirò le proprie truppe e gli insediamenti anche dalla Striscia di Gaza. Un ritiro parziale dalla Cisgiordania è stato compiuto a piú riprese a partire dal 1993, risultato del tortuoso processo di pace di Oslo con i palestinesi. Tuttavia a oggi buona parte della Cisgiordania, la Gerusalemme Est araba e le Alture del Golan restano sotto stretto controllo israeliano. Il grande trionfo militare del 1967, apparso inizialmente come un momento benedetto nella storia di Israele, finí per rivelarsi una «vittoria maledetta». Dopo essersi appropriato di quelle terre, Israele le sottopose quasi tutte a un governo militare assicurando che avrebbe condotto un'occupazione sinceramente «illuminata». Tuttavia, come è ormai sempre piú chiaro agli occhi degli storici, un'occupazione illuminata è una contraddizione in termini; e con il passare del tempo l'occupazione di Israele si è rivelata pesantissima. Il filo rosso di questa intera vicenda storica, che potrebbe essere definito come la vera tragedia del conflitto arabo-israeliano, è l'ampia serie di opportunità per risolvere la situazione, che sono andate perdute.

 

Ahron Bregman insegna presso il Department of War Studies, al King's College di Londra. È autore di diversi libri su Israele e i Paesi arabi, tra cui ricordiamo: The Fifty Years War. Israel and the Arabs (con Jihan El-Tahri, Penguin 1998), Israel's Wars. A History since 1947 (Routledge 2000), A History of Israel (Palgrave 2000) e Elusive Peace. How the Holy Land Defeated America (Penguin 2005). Per Einaudi ha pubblicato La vittoria maledetta (2017).

 

Recensioni

recensione di Lea Luzzati su La Stampa.(leggi)

recensione di Paolo Mieli su Corriere della Sera. (leggi)

 recensione di Corrado Augias su il venerdì - la Repubblica. (leggi)


dello stesso autore nel catalogo Einaudi 

Condividi questo articolo su...