...se non ci fossero i libri, noi saremmo tutti rozzi e ignoranti, senza alcun ricordo del passato, senza alcun esempio; la stessa urna che accoglie i corpi cancellerebbe anche la memoria degli uomini.

Cardinale Bessarione

Avviso

Articoli

Rovati, L'arte dell'ottocento

collana: Piccola Biblioteca Einaudi - Mappe Arte 
editore: Einaudi
data pubblicazione: 14/03/2016
pagine: 272
prezzo: € 34,00
ISBN: 9788806228484
a cura di:
traduzione di:
argomento: Arte
formato: brossura
per l'acquisto scegli tra:
      

 

 

 

Federica Rovati

L'arte dell'ottocento


Artisti, critici, mercanti, collezionisti e mostre: il ritratto del variegato mondo dell'arte del XIX secolo

Il volume racconta l'arte dell'Ottocento con vivacità e rigore, intrecciando diverse attenzioni: la specifica evoluzione dei linguaggi artistici; la trasformazione del sistema artistico, segnato dalla contestazione delle esposizioni statali, dall'affermazione delle gallerie private, dalle iniziative autonome di pittori e scultori; e, infine, le accelerazioni e le inerzie della storia politica e sociale. È l'arte di un secolo inquieto, nel quale non soltanto si ridefinisce il ruolo dell'artista, ma anche quello del pubblico, della critica e del mercato. In esso si affacciano nuove sensibilità e lo sguardo degli artisti sulla realtà tende ad ampliarsi, abbracciando originali soluzioni espressive e contenutistiche. Pur non rinunciando alla lettura di opere fondamentali (dal Radeau de la Méduse di Géricault e Olympia di Manet alle ardite soluzioni plastiche di Rodin, alle provocazioni di Degas, fino all'ostinata modernità di Cézanne), ogni capitolo affronta, innanzitutto, singoli nuclei tematici: Scelte di stile (con la voga medievalistica, i Salon, la pittura di paesaggio); Le forme dell'impegno (con al centro Delacroix, Daumier, Courbet e i macchiaioli); La logica dello sguardo si muove da Manet verso gli impressionisti e i postimpressionisti, mentre l'ultimo capitolo ripercorre l'intero secolo dal punto di vista delle fonti esotiche e primitive, per chiudersi sull'arte simbolista. Le opere analizzate nella seconda parte offrono un ventaglio il piú possibile ampio delle diverse declinazioni stilistiche, affiancando agli autori piú innovativi esempi d'impianto piú tradizionale (Ingres e Turner, ma anche Delaroche; Ensor e Van Gogh, ma anche Alma-Tadema), fino a lambire il Novecento con l'analisi di opere di Segantini, Pellizza da Volpedo e Klimt.

Indice
Premessa. - I. Scelte di stile. II. Le forme dell'impegno. III. La logica dello sguardo. IV. Un altro sguardo. Schede. Bibliografia. Indice dei nomi.

 

Federica Rovati insegna Storia dell'arte contemporanea all'Università degli studi di Torino. Ha curato l'edizione critica dell'epistolario di Umberto Boccioni (Rovereto 2009) e ha pubblicato, fra l'altro: Carrà tra futurismo e metafisica (Milano 2011), Umberto Boccioni. Beata solitudo sola beatitudo (Milano 2013) e L'arte del primo Novecento (Einaudi 2015).

della stessa autrice nel catalogo Einaudi  

Condividi questo articolo su...